“Da Napoli alla Spagna: unità nelle lotte” al Teatro dell’Acquario

Advertising

Le politiche d’austerità e di crescita zero imposte dall’Unione europea hanno provocato in tutta Europa disoccupazione e precarietà.

Le principali famiglie partitiche d’Europa (Popolari e Socialisti) hanno eseguito scientificamente le ricette imposte dai loro maggiorenti e dall’Unione europea colpendo insegnanti, lavoratori, pensionati e un’intera generazione giovanile intrappolata nella precarietà.

Il governo Renzi è un chiarissimo esempio di come si possa governare tutelando fedelmente gli interessi di quell’uno percento della società che in questi anni si è arricchita. Dalla buona scuola al job act, passando per l’indegna proposta di riforma costituzionale, la stella che orienta l’azione di questo governo è rappresentata dalle ricette di confindustria e delle banche, le stesse a cui abbiamo regalato migliaia di miliardi di euro pubblici senza colpo ferire.

Non tutti in Europa hanno accettato ed accettano tutto ciò. Movimenti, partiti ed esperienze amministrative hanno costruito resistenza e innovazione nel nome dei diritti e della giustizia sociale.

Come Rifondazione Comunista e Giovani Comunisti di Cosenza vogliamo confrontarci con alcune delle esperienze più avanzate europee, italiane e cittadine e per questo abbiamo organizzato per domani, Domenica 4 Settembre, alle ore 17:30 al Teatro dell’Acquario, un dibattito a più voci con il comitato di lotta Prendo Casa, la coordinatrice nazionale dei Giovani Comunisti, Claudia Candeloro, la consigliera comunale di Napoli e vicesindaca dell’esperienza di governo De Magistris, Elena Coccia, il responsabile nazionale dei discorso politico di Podemos, Jeorge Moruno.

E’ una straordinaria occasione per ascoltare e incrociare esperienze che dimostrano concretamente come la politica possa essere organizzata e messa al servizio di chi ha subito la crisi e non di chi l’ha creata.

Sempre all’Acquario, al termine dell’incontro (intorno alle 21), grazie al contributo di Otra Vez, consumeremo un’amatriciana solidale con le popolazioni colpite dal recente sisma.

Stefano Vento,

Coordinatore provinciale G.C. Cosenza

Francesco Saccomanno,
segretario provinciale Rifondazione comunista Cosenza