Depurazione, Ferrara (M5S): “In Calabria siamo al caos gestionale”

Advertising

Acque reflue. Se non si procede saranno ancora i cittadini a pagare.
Laura Ferrara (M5S): “La Regione chiarisca se e come vuole sanare il settore”.

Come un mantra ritorna l’allarmante preoccupazione per le pesanti sanzioni dell’Unione europea per il mancato superamento delle criticità sul trattamento delle acque reflue. L’Italia non si è allineata con quanto previsto dalla sentenza del 2012 ed in particolare la Calabria, come facilmente prevedibile, è una delle Regioni con la peggiore performance.

Ben 13 gli agglomerati (tra i quali anche quello di Cosenza-Rende, ndr) che ancora non hanno rispettato quanto imposto dalla prima condanna della Corte di giustizia per il trattamento delle acque.

«Come procederà ora la Regione Calabria di fronte all’ennesima possibilità di condanna visto che finora tutte le politiche sono state fallimentari?».

Se lo chiede Laura Ferrara eurodeputata del Movimento 5 Stelle.

«La Delibera Cipe 60/2012 finanziava oltre 160 milioni di euro da utilizzare a tale scopo – continua la Ferrara -, tali risorse però restavano sostanzialmente inutilizzate per la scellerata idea del Dipartimento regionale di ricorrere alla procedura del project financing per la realizzazione degli interventi previsti.

Abbiamo contestato questa modalità e le nostre rimostranze in merito le abbiamo ulteriormente ribadite nell’incontro con l’assessore al settore Rizzo e con i funzionari del Dipartimento ambiente della Regione Calabria, lo scorso luglio.

Laura Ferrara
Laura Ferrara

Ad oggi, molti degli interventi previsti per sanare il sistema depurativo dei 13 agglomerati calabresi coinvolti nella sentenza di condanna sono stati commissariati, in molti casi, addirittura, i lavori ancora devono iniziare. Attestiamo con amarezza il caos gestionale del sistema depurativo.

Andrebbe chiarito che le scelte politiche azzardate operate dalle diverse amministrazioni regionali succedutesi negli anni andranno a ripercuotersi solo e soltanto sulle tasche dei cittadini calabresi, visto che le sanzioni pecuniarie che verranno comminate all’Italia, oltre 62 milioni di euro, in base ai meccanismi di rivalsa, andranno poi a ricadere inesorabilmente sulle Regioni interessate, e quindi in prevalenza su Calabria e Sicilia che detengono la maglia nera per numero di agglomerati coinvolti.

Ora si diano risposte chiare su come, in maniera strutturale e definitiva la Regione Calabria intende migliorare la disastrosa situazione in materia depurativa. Lo stiamo chiedendo da tempo – conclude l’europarlamentare pentastellata – basta interventi tampone e flussi di soldi pubblici per manutenzioni e lavori fantasma. Da quattro anni ormai l’Unione europea ci sta chiedendo maggiore efficienza nel comparto depurativo. Come Movimento 5 Stelle continueremo il “fiato sul collo” e a vigilare sull’operato del Dipartimento regionale e dei Comuni che ancora nulla hanno fatto nonostante i fondi messi a loro disposizione».