Di Maio (M5s): “Chi fa la guerra fa il gioco di Daesh”

Advertising

“Giocare alla guerra contro l’Isis causerà un’escalation di tensione tra i Paesi che dicono di volerla combattere”.

Lo scrive su Fb Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera e membro del direttorio M5S, secondo il quale “fare la guerra significa fare il gioco di Daesh”.

“La Turchia è un Paese dell’alleanza Nato – sottolinea Di Maio – che, a parole, è schierata contro l’Isis e oggi ha abbattuto un aereo della Federazione Russa, anche essa impegnata in bombardamenti costanti contro i guerriglieri. Ora la Turchia chiederà alla Nato di reagire contro Putin? O sarà Putin per primo a reagire contro un Paese Nato?. Per Di Maio, dunque, “giocare alla guerra contro l’Isis causerà un’escalation di tensione tra i Paesi che dicono di volerla combattere. Stiamo facendo il gioco del califfato che conosce bene le contraddizioni e le ipocrisie dei Paesi di questa presunta alleanza ‘anti-Isis'”.

Invece,”per capire chi vuole veramente sterminare l’Isis dobbiamo capire chi è disposto ad affamarla, sospendendo gli scambi commerciali con i paesi che finanziano i terroristi e fermando la vendita di armi in queste direzioni. In questo modo – conclude – divideremo i ‘buoni’ dai ‘cattivi'”.

(Ile/AdnKronos)