Ecologia Oggi, la RSA solidale con il collega Azzinnaro

Advertising

A seguito della lettera pubblicata ieri dal vostro giornale, a firma del nostro collega Gaetano Azzinnaro, tutta la RSA di Ecologia Oggi (Uil trasporti, Cisl, Cgil, Ugl) esprime piena e totale fiducia al collega.

Lettere a Iacchite’: il vigile mafioso

Non entriamo nel merito dei motivi che hanno portato il nostro collega a formulare una denuncia pubblica così forte, sarà la magistratura ad accertare la verità, ma siamo sicuri del fatto che se Azzinnaro ha fatto questa scelta, un motivo ci sarà. Conosciamo Gaetano Azzinnaro da tanto tempo e pensiamo che quello da lui scritto non può essere frutto di fantasia anche perchè il fatto da lui denunciato,  si è verificato in pieno centro cittadino (corso Mazzini), davanti a molti passanti, altri colleghi e soprattutto davanti alle telecamere del corso. Sarà facile per i giudici accertare chi ha torto e chi ha ragione.

E’ chiaro che ci riferiamo all’episodio avvenuto il 31 dicembre tra l’operatore ecologico Gaetano Azzinnaro, e il vigile urbano Luca Tavernise. Un episodio che se accertato lascia spazio ad una seria riflessione: chiunque in questa città è investito di un minimo di autorità si sente legittimato a “comandare” e a dare “ordini” al personale di Ecologia Oggi.

Bisogna chiarire a questo punto, una volta per tutte, stabilendo tra le “parti in causa” quali sono i propri ruoli, le competenze e le responsabilità di ognuno. E questo episodio è l’occasione giusta per aprire questa discussione.

RSA Ecologia Oggi