Europei, l’Under 21 fa sognare. Ventura: “Berardi ha qualità enormi”

Advertising

Nella giornata di ieri il ct dell’Italia maggiore, Ventura, era presente in Polonia, a Cracovia, per assistere alla prima prova dell’Under 21 all’Europeo. Gli azzurrini hanno battuto la Danimarca per 2-0 (reti di Pellegrini e Petagna) e il cosentino Domenico Berardi (nato a Cariati, genitori di Longobucco e Bocchigliero, cresciuto nel Mirto) è stato tra i protagonisti. Rambaudi, nel corso della telecronaca di Raiuno, lo ha giustamente incoronato “migliore in campo”.

Il ct Ventura, intervenuto a ‘Radio Rai’, ha detto la sua sul gruppo di Di Biagio, commentando anche le ultime di calciomercato, che vedono Berardi, Belotti e Donnarumma protagonisti: “C’era un po’ di tensione per la voglia di far bene. La gara è stata vinta meritatamente e vincere la prima in certi tornei è fondamentale. Credo questo girone sia alla portata dell’Italia, così come tutto l’Europeo. E’ un gruppo unito e con voglia d’essere protagonista. Ovvio poi che si possa ancora crescere. Ieri solo una prima parte rispetto a quanto vedremo in futuro”.

BERARDI – “Ha già fatto tre stage con me, migliorando in serenità. Ha grandissime potenzialità e deve solo trovare la giusta convinzione nei propri mezzi. Si è realizzato a Sassuolo, che però non è una grandissima piazza. Mi piacerebbe che giocasse in una grande squadra che lottasse per lo scudetto o per la Champions. Il giocatore deve fare questo salto, soprattutto sotto l’aspetto caratteriale e della mentalità. Le sue qualità sono enormi”.
DONNARUMMA – “Raramente ho visto un giocatore così maturo, nonostante l’età. La cosa migliore è che finisca presto questa telenovela, così da ritrovare serenità. E’ un bene del calcio italiano”.
BELOTTI – “Egoisticamente più riesco a tenerlo sott’occhio in Italia, meglio sarebbe per me. Ho avuto la fortuna di far spiccare il volo a molti calciatori. Psg? Ritengo che debba partire se il club ha davvero bisogno di lui. Inutile andar via per poi passare dalla porta di servizio. Intanto lui ha grandi potenzialità e può fare molto di più”.