Ex Legnochimica sequestrata, il M5s: “Basta ritardi, ora la bonifica”

Advertising

Sequestro area ex Legnochimica, Miceli, Parentela e Ferrara (M5S): che sia la volta buona

Basta ritardi e inadempienze. Urge la bonifica del sito industriale

Rende (Cs) – La Procura di Cosenza ritorna sul luogo del delitto. Il nuovo provvedimento giudiziario, con il sequestro dell’area ex Legnochimica e l’inserimento nel registro degli indagati dell’attuale liquidatore per omessa bonifica, è un segnale non trascurabile che qualcosa con la nuova legge sugli Ecoreati finalmente si muove.

“Non possiamo certo mettere la parola fine a questa storia – dice il portavoce M5S al Consiglio comunale di Rende, Domenico Miceli -. Questo nuovo capitolo giudiziario, di cui aspettiamo di conoscere l’esito, potrebbe rappresentare anche un prolungamento dei tempi e speriamo che ciò non accada, laddove siamo già fuori tempo massimo per la bonifica dell’area che a quanto pare risulta essere inquinata. Come Movimento 5 Stelle ci siamo fatti promotori a marzo dello scorso anno di un Consiglio Comunale ad hoc per riaccendere i riflettori su questa incresciosa vicenda e continueremo a vigilare affinché sia tutelata la salute dei cittadini e ristabilita la corretta natura dei luoghi. Nei prossimi giorni formalizzerò la mia richiesta alla Giunta comunale di Rende di emanare al più presto una delibera così da ottenere tutta la documentazione su cui si fonda il sequestro”.

“Mentre aspettiamo ancora una risposta politica sul caso ex Legnochimica – dice il portavoce M5S alla Camera dei Deputati, Paolo Parentela – con due interrogazioni depositate rimaste senza risposta dal Governo nazionale, non possiamo non prendere atto della forza dirompente che dimostra di avere la nuova legge sugli Ecoreati nel contrasto dei crimini ambientali. Ora l’assessore all’Ambiente della Regione Calabria, Rizzo, deve prendere una posizione chiara sul caso in questione e anche su tutte le altre omesse bonifiche che sono di sua esclusiva responsabilità”.

“<<Chi inquina paga>> è un principio cristallizato nel diritto dell’Unione europea  – dice l’eurodeputata M5S, Laura Ferrara -. Dobbiamo agire subito, soprattutto in Calabria, per affermare questo principio a tutti i livelli. Come Movimento 5 Stelle continueremo ad usare tutti gli strumenti a nostra disposizione per far rispettare la normativa europea in materia e presenteremo una seconda interrogazione presso la Commissione europea”.

Domenico Miceli – portavoce M5S al Comune di Rende

Paolo Parentela – portavoce M5S alla Camera de Deputati

Laura Ferrara – portavoce M5S al Parlamento Europeo