Fuscaldo, il Sangrilà diventa Centro per migranti? I Morrone sono pronti

Ennio e Luca Morrone
Advertising

La famiglia Morrone – quella del patriarca Ennio alias il “mammasantissima” ma anche dei gemelli Luca e Marco e di tutti i prestanome – è in piena fibrillazione. Questa è la stagione nella quale si piazzano i colpi dei Centri di accoglienza per migranti e com’è noto i gemelli di Morrone e tutto il cucuzzaro vanno fortissimo. A Fuscaldo, poi, stanno creando un vero e proprio feudo per come ci confermano le tante fonti che abbiamo nella ridente località balneare del Tirreno, dove i Morrone gestiscono già un Centro per migranti vicino al camping in località Lago. Ma, a quanto pare, è arrivato il momento di raddoppiare. In questi giorni, infatti, nello storico hotel Sangrilà c’è un viavai di “macchinoni” provenienti da Cosenza. L’altro pomeriggio Carmelo Rota, il prestanome più famoso dei Morrone, spalleggiato da un altro fedelissimo della famiglia, è rimasto a Fuscaldo fino a oltre le 20 per parlare con l’ingegnere Siciliani dentro la struttura. A Fuscaldo ormai da qualche mese si vocifera di alcuni imprenditori che sarebbero interessati ad acquistare il Sangtilà ma . si sa – spesso le voci di popolo non sono proprio precise. La verità è che i Mazza, proprietari dell’hotel, non hanno venduto e non hanno alcuna intenzione di farlo ma sono molto interessati invece a dare in gestione il Sangrilà ed è a questo punto che entrano in ballo i Morrone e i loro ormai sgamatissimi prestanome. La famiglia Mazza, per quanto se ne sa, sta concretizzando l’operazione e di conseguenza da qui a qualche settimana il Sangrilà si rianimerà grazie a chi gestisce già una buona parte dei flussi migratori della provincia di Cosenza (oltre al Centro di località Lago a Fuscaldo, i Morrone hanno anche un altro Centro a San Marco Argentano e un altro paio sotto il loro controllo). Vi terremo informati. Come sempre.