Gennaio 2016: Cosenza “bellissima” anche sul Tg1 ma per le luci della…Finanza

Sono passati esattamente due anni: 5 gennaio 2016-5 gennaio 2018.

Quella sera Mario Occhiuto era ancora “eccitato” per il suo Capodanno con Pelù e probabilmente qualcuno gli aveva assicurato che avrebbero parlato della sua festa e della “sua” Cosenza bellissima e fantastica anche sui media nazionali. E invece…

E’ andato a finire sul Tg1. Direttamente. Nell’edizione delle ore 20. Mario il cazzaro. Una visione da “giustizia divina”. In pieno prime time. Una “palata” che ti mette kappaò. Senza se e senza ma. 

Mamma Rai ha mandato addirittura un inviato a Cosenza, Alessio Zucchini. Argomento: luminarie e appalti. La vecchia storia di Luci della Città raccontata da Camillo Giuliani: 800mila euro in tre anni. Pare che la Finanza si sia accorta che qualcosa non va, ci sarebbe stata una denuncia… 

http://www.iacchite.com/luci-della-citta-800mila-euro-alla-med-labor/

med

Ma se ci sono determine che parlano da sole, addizioni che è facilissimo mettere una sull’altra, quali denunce devono esserci? L’ha scritto un giornalista, l’hanno ripreso altri. C’era bisogno di denuncia? E nonostante questo, neanche l’inviato della Rai ha potuto dire che c’è un’inchiesta della procura di Cosenza. Chissà se il procuratore (all’epoca c’era ancora quel buffone di Granieri) lo sapeva… Cose da pazzi.

ocv

Ridicola la difesa di Occhiuto, evidentemente in difficoltà e sulla difensiva, quasi biascicante nelle risposte. Del resto, uno che risponde “Se così fosse, dovrebbero addirittura darci un premio” alla domanda riguardante la spesa di 800mila euro in 3 anni per luminarie e sempre alla stessa ditta, la Medlabor, non doveva avere – ieri come oggi – il controllo di se stesso. E’ sempre costantemente in delirio di onnipotenza. Così come quando affermava che in città di media grandezza si spende 20 volte in più per il solo evento di Natale. Follia allo stato puro.

Stendiamo un velo pietoso sulla convenzione con Enel Sole per affidare all’ente l’illuminazione pubblica. Ovvero la beffa di pagare due volte lo stesso servizio… Ha parlato di interventi extracontratto che possono esistere solo nella sua fertile fantasia. Un disastro.

“Cosenza accende le luci e cerca di allontanare le ombre” ha concluso Zucchini.

Altro che Cosenza bellissima e fantastica! 

PS: ovviamente la procura di Cosenza (dove nel frattempo è arrivato il gattopardo Spagnuolo, allievo di due magistrati corrotti e impresentabili come Oreste Nicastro e Alfredo Serafini e quindi in perfetta continuità) ha liquidato la vicenda con qualche stupida interdizione ai dirigenti per lavarsi la coscienza. Tutti sanno chi è il vero colpevole ma la giustizia, almeno per ora, protegge il cazzaro. Ma quella serata con le luci… della Finanza sul Tg1 resta comunque un bel ricordo. Da incorniciare a futura memoria.