Grandi manovre sull’asse iGreco-Oliverio-Filippelli

Advertising

Grandi manovre sull’asse iGreco-Oliverio-Filippelli.

Il più attivo è proprio lui, Gianfranco Filippelli, commissario da otto mesi dell’Asp di Cosenza.
Dopo la bocciatura del piano ospedaliero su Rende, il buon Filippelli sembra che sia stato morso dalla tarantola. Lui, così legato a iGreco da vedersi ogni mattina con i “fratelli” e con il loro amministratore Giovanni Pisani, sta facendo fuoco e fiamme affinché torni la pace tra Palla Palla e i cariatesi.

E a quanto pare il “miracolo” è avvenuto. Lo abbiamo appreso direttamente dai giornalisti “segreti” che stanno sull’asse Lamezia-Locri-Reggio Calabria. Con tanto di remissione di querela ad Oliverio e di… fotografia. Venerdì sera, al salone della degustazione del vino alla Cittadella di Germaneto, il governatore e gli imprenditori si sono chiariti.

Ora, da qui a dire che tutto è risolto ce ne corre ma la situazione è cambiata.

Il commissario dell'Asp Gianfranco Filippelli
Il commissario dell’Asp Gianfranco Filippelli

E dev’essere anche per questo che Filippelli, dato per partente dall’Asp a più riprese, continua a rimanere al suo posto. Certo, anche Oliverio non ha le palle per cacciarlo. Nonostante pure Tonino Gentile, il Cinghiale tanto per capirci, gli stia sollecitando il foglio di via perché non riesce più a controllarlo come vorrebbe.
E così il signorino oncologo ha mantenuto al suo posto gente come Magnelli che ha una condanna definitiva per falso in atto pubblico, ha liquidato 86 mila euro ciascuno agli anestesisti di Castrovillari per turni aggiuntivi a Cetraro. Salvo poi revocarli quando la cosa è uscita fuori…
Ha dato una montagna di soldi ai funzionari. Ha affidato incarichi legali esterni (cosa vietatissima dal commissario Scura). Ha dato soldi a Ponzio, ha fatto come gli pareva. E ora vorrebbe gestire anche 63 assunzioni di medici.
Della serie: sciacqua Rosa e viva Agnese!

E se riesce pure a sdoganare gli Ospedali Privati Riuniti dei cariatesi farebbe Bingo, sempre alla faccia della comunità.