Hamil, la farsa continua: la questura diffonde i video dell’Isis

Advertising

La questura di Cosenza si allarga, e per dimostrare la serietà e la scrupolosità del lavoro da loro fin qui svolto, diffonde diversi video relativi al monitoraggio di Hamil.

Uno, ora, si aspetta di vedere dei video dove Hamil, magari, nascosto nella campagna di Luzzi dove abita, visto che è stato pedinato, intento ad imparare come si costruisce una bomba, o come si spara, o come si smonta e monta una pistola. O cose simili, relative all’autoaddestramento di cui parlano gli investigatori.

Invece i video diffusi non sono relativi ad Hamil, ma sono quelli che lui guardava e scaricava seduto al computer di casa sua. Video che narrano le barbarie del califfato che, come si sa, rappresentano sgozzamenti, omicidi di massa, torture e barbarie varie.

NEWS_145458

E quindi? Anche io li guardo, se venite da me troverete nel mio computer diversi di questi video. Mi sono scaricato anche tanti video sulle varie guerriglie nel mondo. La storia di tanti gruppi terroristici. E tantissimi video dell’Intifada.

Cari investigatori, non ci fate una bella figura. Non diffondete più niente, è meglio. Anzi diffondete, ad esempio, le trascrizioni tradotte delle conversazioni tra Hamil e i terroristi con i quali, a detta vostra, si metteva in contatto.

Fateci ascoltare di cosa parlava in casa o con gli amici Hamil. Basta con questa cosa dei video scaricati da internet, e basta pure con questo cosa che pregava sempre.

Non tocca a voi dare un giudizio sulla religiosità o meno di un individuo. Per concludere questo comunicato la questura, non contenta della magra figura ottenuta con la diffusione di questi video, sottolinea un passaggio che, secondo il suo punto di vista, taglia la testa al toro e mette a tacere chi come noi non crede ad una virgola di quanto finora detto dagli investigatori.

Leggete e tremate: “Hamil, anche dopo l’arresto di ieri, avrebbe chiesto agli agenti di potersi lavare le mani e pregare, gesto giudicato altamente simbolico”.

Ognuno si faccia la propria idea. Ma vi prego dite qualcosa.

GdD