I grandi gialli del calcio: “Isabella la verità non la dirà mai”

Isabella Internò con il cugino Pippo Dino Internò
Advertising

La Gazzetta dello Sport presenta il libro “I grandi gialli del calcio”
Dodici misteri intorno al mondo del pallone affrontati da Francesco Ceniti, giornalista calabrese da sempre attento alle storie di calcio. 

Dall’uccisione del capitano della Lazio Luciano Re Cecconi, all’investimento di Gigi Meroni, uomo simbolo del Torino, passando per la controversa vicenda della morte di Donato Bergamini che ha riempito le pagine di cronaca nera dei giornali nazionali, al caso della lattina che colpì Roberto Boninsegna durante la partita Borussia Mönchengladbach-Inter di Coppa Campioni.
Queste sono solo alcune delle storie affrontate nel libro “I grandi gialli del calcio” presentato da La Gazzetta dello Sport. Dodici storie per dodici casi diversi in cui lo sport ha incontrato la cronaca “nera”.

Il libro, curato e scritto da Francesco Ceniti, giornalista della Gazzetta che si occupa principalmente di calcio, arbitri e appunto di inchieste sportive, è arricchito da una prefazione di Gioacchino Criaco e dalle illustrazioni di Roberto Rinaldi. Il volume “I grandi gialli del calcio” è in edicola al prezzo di €7,99 più il costo del quotidiano.

cenitiEcco uno stralcio della bella prefazione di Gioacchino Criaco nella parte in cui immagina di essere Denis Bergamini.

“…E dentro ci sono anch’io; c’è la mia storia che aspetta di scrivere il finale vero, di cosa mi sia accaduto quel giorno a Roseto Capo Spulico. Isabella, la mia ex, la verità non la dirà mai, la sua vita non si è spezzata in fretta, come è accaduto a me in quella strada piena della polvere di un’umanità in perenne transumanza.

Io, sono Denis Bergamini, sono l’uomo di punta del Cosenza calcio, che ora sta in serie B, ma punta al massimo campionato. E io, con loro, o senza di loro, in A ci posso andare quando voglio. Anzi, ho rifiutato la Fiorentina quest’anno; ho un debito di riconoscenza col Cosenza.

Denis-BergaminiOra l’ho saldato, e la stagione prossima con loro o senza di loro sarò in A. La Maserati bianca, parcheggiata nella piazzola di sosta è mia. Ho 27 anni, e ho un sogno davanti. I camion Iveco li ha guidati mio padre, mi ha spiegato come se ne esce se ci si finisce sotto? Si, lo so che Isabella vi ha detto che ci sono andato volontariamente incontro al camion, e anche l’autista l’ha confermato.

Ma il più scalcinato dei periti ve lo può spiegare che da sotto il camion se ne esce a pezzetti. Ma non è questo il punto…io sono Denis Bergamini, sono l’uomo squadra del Cosenza, l’anno prossimo starò in A, ho 27 anni e la Maserati bianca che vedete in lontananza è mia. Ho una vita davanti e non la spingo certo contro un camion…”.