Iacchite’, guagliù, un vi va buanu nenti! (di Simone Crocco)

Foto FRANCESCO GRECO da Cosenza Informa
Advertising

Pubblichiamo la bellissima poesia di Simone Crocco con la precisazione dell’autore che è puramente indirizzata verso i “fascisti del pensiero”, non verso chi pensa cose diverse dalle mie”. 

di Simone Crocco

U cusintinu, si sa, è razza strana
è tuastu, togo, a volte un po’ fetente
ma chiru ca chiù spicca sa simana
è proprio lui: “un vi va buanu nenti”.

U ritornello è sempre u stesso, è tradizione
u nzacca in ogni cosa, tipo petrusino
appena vu provà a fa n’obiezione
diventi di diritto “tagliaturi cosentino”.

Camini cura machina e ncappi nu cratere
ca ara chiamà “buca” para vrigogna,
mancu d’a jistima ti lasciano il piacere
si dici na parola ti mindanu ara gogna.

Avissimu i fa cazzi ca parri d’i lucicchie
arrassusìa, “su miagliu di Salerno”
t’i sianti pi menzura dintr’i ricchie
ca pu ci da ragiuni, pi evità s’inferno.

Cavallo di battaglia è il corso principale
ca pu daveru è meraviglioso
ma si u riastu fa schifu unni parrà male
sinnò rimani nu cazz’i lamentoso.

Sciuaddru chi t’aspetta si tuacchi Piazza Fera
si pi sbagliu nomini “culata i cimiantu”
“oi tagliaturi, un t’arricuardi cum’era?
un ti va buanu nenti e un si mai cuntiantu!”

E si ti si sempre dittu ca Alarico era nu merda,
ca cu Cusenza c’intra pocu e nenti
“oi ignorante, l’occasione TU n’ha fatta perda
a forza i sparrà cu l’atra genti”.

E pi su capodanno arriva nu belloccio
ca ha fattu tri canzuni ‘ntra tutta a vita sua
si puru unn’u canuscianu, non cambia il loro approccio:
“compà, chiss’è marketing, unn’è cosa pi vua”.

Iu a si cristiani i pigliassa a muzzicuni
ma no per u pensiaru diverso i chiru mia,
è ca ppi chissi basta ca c’intra u cumuni
e ogni critica diventa n’eresia.

Mò chiudu sa poesia, meglio che sto zitto
sinnò mi vena d’i numinà, l’intelligenti
e s’un vi piacia quello che ho già scritto….
“Iacchitè, guagliù, un vi va buanu nenti!”