Il degrado del ponte sul Busento: buche, rifiuti e menefreghismo

SERVIZIO FOTOGRAFICO DI FRANCESCO DONATO
Advertising

Francesco Donato è un giovane fotografo che spesso gira per le strade della città e ne coglie aspetti di degrado nascosti, specie nell’era di un sindaco che pensa solo al “salotto buono” ed ignora più o meno consapevolmente tutto il resto.

La zona che ha messo ieri sotto la sua lente di ingrandimento una volta si chiamava Lungo Busento-Tripoli ed è l’ìdeale congiungimento della parte vecchia di Cosenza con quella nuova. Giacomo Mancini pensò di inserirci un ponte che poteva essere attrattivo non solo per i cosentini ma soprattutto per i turisti.

Bene, oggi questa zona è completamente dimenticata da Dio (sapete bene che il nostro sindaco si crede… divino) e dagli uomini.

ponteIl ponte è talmente pieno di buche da risultare uno spettacolo imbarazzante. Eppure non mancano i cosentini che proprio in quella zona vanno a prendere l’acqua alla vicina fontana.

Il rischio che qualcuno possa cadere o inciampare è molto alto ma non sembra che questo interessi molto. Per non parlare dei rifiuti che fanno pessima mostra di loro nell’area circostante e rappresentano il solito pessimo biglietto da visita per la nostra città.

Se confrontiamo il dispendio di soldi ed energie per costruire il ponte di Calatrava, perfettamente inutile e fine a se stesso così come verrà realizzato e il completo menefreghismo che caratterizza ormai da anni questa zona, abbiamo la cartina di tornasole del metodo con il quale Occhiuto governa la città.

Perché si possono costruire anche opere importanti come il ponte di Calatrava ma se non vengono inserite in un contesto reale di città non servono perfettamente a nulla. E questa, in fondo, è la differenza tra Mancini e Occhiuto. Il vecchio Giacomo amava profondamente la nostra città, il vacuo (nel senso di vuoto assoluto) Occhiuto ama soltanto se stesso. 

fontaFrancesco Donato, sul suo profilo FB, auspica che il sindaco (sempre quello che si crede…Dio) e l’eventuale assessore con delega all’Ambiente (che in questo momento sinceramente ci sfugge ma non è importante) provvedano a pulire la zona e a riparare il ponte.

Speriamo bene.

ponte1

ponte2