Il marocchino arrestato alla polizia: “Non appartengo all’Isis, ero in Turchia solo per pregare”

Advertising

Tra poco meno di un’ora nella questura di Cosenza verranno resi noti i particolari dell’operazione antiterrorismo che ha portato all’arresto di un commerciante ambulante marocchino residente a Luzzi.

La polizia, bontà sua, ha diffuso pochi minuti fa anche una “velina” nella quale riporta la difesa del marocchino, che si protesta innocente e lo è fino a prova contraria.

Marocchino a polizia, in Turchia a pregare – “Sono andato in Turchia solamente per pregare”. E’ quanto ha detto il marocchino Hamil Mehdi ai poliziotti di Cosenza al momento dell’arresto eseguito stamane per il reato di auto addestramento ai fini di terrorismo internazionale.

Mehdi era stato respinto nel luglio scorso dalla Turchia. “Mi avevano già contestato – ha aggiunto – di appartenere all’Isis ma io ho sempre negato. Ed anche ora ribadisco che non appartengo all’Isis. Sono andato in Turchia solamente per pregare”.