Il sindaco di Luzzi difende Hamil Mehdi: “Lui e la sua famiglia sono integrati: sono sorpreso”

Il sindaco di Luzzi Manfredo Tedesco
Advertising

«È stata una sorpresa». Così il sindaco di Luzzi, Manfredo Tedesco, commenta all’Adnkronos l’arresto del marocchino Hamil Mehdi per auto addestramento a fini terroristici.

«Lo conosco, la sua famiglia abita a Luzzi da molti anni e sono integrati. La notizia mi sorprende e la affronto con cautela, non conoscendone ancora i risvolti. Chiederò alla Questura o alla prefettura il preciso capo d’imputazione e notizie più dettagliate», prosegue il sindaco.

Hamil Mehdi abitava nel centro storico del comune cosentino, poi da circa cinque anni si è trasferito in una zona a valle.

«A Luzzi c’è una buona presenza di famiglie marocchine, molte di esse hanno avuto il contributo per mensa e trasporto scolastico e oggi stesso chiederò agli uffici comunali se pure la famiglia di questo ragazzo ha beneficiato di queste misure. Noi siamo intervenuti per garantire la migliore integrazione di queste famiglie sul territorio, aiutandole come detto a fare frequentare la scuola ai figli. Finora non abbiamo mai avuto problemi».