#iostoconmodesto, Crotone News annuncia: “Potrebbero esserci clamorosi sviluppi”

Advertising

Dal cancello del Marca, la scuola calcio fondata tra gli altri da Gigi Marulla, si vedono le finestre del carcere di Cosenza. Ed è lì che con due striscioni, su cui c’è scritto #iostoconmodesto, che decine di amici d’infanzia, suoi tifosi, alcuni giunti anche da Crotone, e familiari hanno voluto insoraggiare il calciatore Francesco Modesto detenuto nel carcere di Cosenza dal 29 agosto scorso.

L’accusa, formulatagli dai magistrati della Dda di Catanzaro, è usura aggravata dalle modalità mafiose. Fatti risalenti a nove anni fa e messi nero su bianco da Roberto Violetta Calabrese, un pentito che ha voluto raccontare queste vicende alla Dda.

Un pentito che lo stesso calciatore Modesto aveva denunciato, insieme a suo suocero (anch’ egli detenuto) e al cognato per una truffa da diverse centinaia di migliaia di euro.

La memoria difensiva di Francesco Modesto è stata già depositata dal suo legale, Leo Sulla del foro di Crotone, al tribunale del riesame e al Gip che ha firmato gli ordini di custodia cautelare.

Ciccio Modesto con la maglia del Cosenza
Ciccio Modesto con la maglia del Cosenza

Ma ieri pomeriggio nella cella del carcere di Cosenza, il calciatore crotonese si è sentito meno solo. La voce e i cori dei suoi amici più cari, tra cui anche sui ex compagni delle squadre giovanili e artisti crotonesi, hanno oltrepassato le sbarre e fatto arrivare a Ciccio Modesto, come lo chiamano tutti, un po’ di aria fresca.

Loro, i suoi amici, quelli che lo conoscono da sempre, non hanno mai dubitato dell’innocenza di Modesto: “lo conosciamo troppo bene, non sarebbe mai capace di cose simili” dicono.

Così come lo conosce bene Padre Fedele  Bisceglia, il monaco ultrà e attuale assessore comunale di Cosenza. Ieri pomeriggio davanti al Marca c’era anche lui: “Quando Francesco giocava nelle giovanili del Cosenza veniva spesso a mangiare all’Oasi Francescana, so che ragazzo è”.

Intanto nei prossimi giorni si aspetta la pronuncia prima del riesame e poi del Gip sulla richiesta di scarcerazione presentata dall’avvocato Sulla.

Ma su questa vicenda, ed in particolare su quanto accaduto a Modesto, potrebbero esserci clamorosi sviluppi.

Fonte: Crotone News