Juve Stabia-Rende 2-1: non basta il gol di Vivacqua

Il posticipo del Saturday night allo stadio “Romeo Menti” va alla Juve Stabia, che batte di misura il Rende. Dopo un primo tempo finito in parità in virtù dei gol segnati da Carlini per le vespe e da Vivacqua per i biancorossi, la gara viene decisa a sette minuti dalla fine da una magia di Calò direttamente da calcio d’angolo, ricordando la leggenda di Massimo Palanca.

LA CRONACA

Per la seconda gara casalinga della nuova stagione, mister Fabio Caserta schiera le Vespe in campo con l’ormai consueto 4-3-3, confermando nove undicesimi della formazione che partì titolare nel derby della settimana scorsa contro la Paganese. E quindi Branduani tra i pali alle spalle della linea di difesa composta da Vitiello, Marzorati, Troest e Allievi; Stallone, alla suo esordio da titolare in Serie C, sulla corsia destra e Calò sulla fascia sinistra supportano le giocate dell’ interno di centrocampo Mezavilla e, a loro volta, fanno da faro alle giocate del tridente d’attacco Carlini, Paponi, Canotto.
Di contro, mister Modesto risponde con un 3-4-3 che ha in Laaribi, Rossini e Vivacqua il tridente offensivo della giornata.

Il calcio d’inizio del match viene battuto dal Rende che, dopo pochi minuti, si affaccia subito in area avversaria con Viteritti che, dalla destra, spedisce direttamente sul fondo.
Pochi giri di lancette e i padroni di casa controbattono e si rendono pericolosi con Canotto che sfugge sulla destra e crossa al centro senza creare, però, particolari problemi a Savelloni.
Al 19’ le vespe sfoderano l’azione che sblocca il risultato: Carlini dialoga con Paponi al limite dell’area di rigore e con un destro a giro deposita la sfera direttamente alle spalle dell’estremo difensore biancorosso. Seconda rete in campionato per l’attaccante gialloblu che apre le danze dei goal al Menti. I padroni di casa restano in attacco e alla mezz’ora Calò libera Canotto in area avversaria ma il suo tiro è debole ed è facile preda di Savelloni.

Il Rende prova a reagire e si sposta nella trequarti stabiese. Al 37’ Rossini sale sulla sinistra ma Vitiello controlla e spazza. Il numero 11 biancorosso non molla, recupera palla e crossa al centro per Vivacqua che, a tu per tu con Branduani, di testa non sbaglia il tap in vincente e rimette il risultato in equilibrio.
Ritornano in partita, quindi, gli ospiti che continuano a restare in avanti creando non poche insidie alle Vespe fino alla fine della prima frazione di gioco. Nella ripresa sono gli ospiti a vantare una partenza migliore: al 5’, dopo un’azione corale, Viteritti tenta il colpo da fuori area ma il tiro è debole e non crea problemi a Branduani. Il numero 1 gialloblu si ripete anche pochi secondi più tardi sulla conclusione di Laaribi, sventando la sfera in corner.
Risponde la Juve Stabia prima con Calò che, da punizione, cerca di sorprendere Savelloni ma con scarsi risultati e poi con Mastalli che sfodera una conclusione da fuori area che finisce alta sopra la traversa.
Le squadre iniziano a giocare a viso aperto cercando di trovare il guizzo giusto per portare a casa la vittoria.
Al 26’ Giannotti, entrato al posto di Laaribi, ci prova da fuori area ma Branduani fa buona guardia, sull’altro versante Carlini tenta di servire Canotto ma Savelloni capisce l’azione ed è bravo ad anticipare l’attaccante.
Alla mezz’ora è ancora Canotto ad impensierire la difesa avversaria ma Calvanese lo chiude in angolo.  Al 38’ dagli sviluppi di un corner Calò conclude direttamente verso la porta difesa da Savelloni che, questa volta nulla può. La Juve Stabia passa nuovamente in vantaggio e fa esplodere i suoi tifosi. È questa l’ultima azione rilevante del match che termina dopo tre minuti di recupero. Seconda vittoria consecutiva in casa per la Juve Stabia che continua il suo filotto di risultati positivi, mantenendosi nella alte zone della classifica. Per il Rende, invece, dopo le prime tre vittorie, seconda sconfitta consecutiva.

JUVE STABIA-RENDE 2-1

JUVE STABIA (4-3-3): Branduani; Vitiello, Marzorati, Troest, Allievi (20’ s.t Aktaou); Stallone (1’ s.t. Mastalli), Mezavilla (20’ s.t. Vicente), Calò; Carlini, Paponi (40’ s.t. , El Ouazni), Canotto. (A disp; Venditti, Cotticelli, Schiavi, Ferrazzo, Castellano, Dumancic, Sinani, Lionetti); All. Fabio Caserta

RENDE (3-4-3): Savelloni; Germinio, Minelli, Calvanese; Viteritti, Franco, Awua, Blaze (40’ s.t. Godano); Laaribi (12’ s.t Giannotti), Rossini, Vivacqua (A disp. Palermo, Borselloni, Maddaloni, Cipolla, Sanzone, Godano, Di Giorno, Crusco); All. Francesco Modesto

ARBITRO: Fabio Natilla della sezione di Molfetta

MARCATORI: 19’ p.t. Carlini (JS); 37’ p.t. Vivacqua; 38’ s.t. Calò (JS)