La Regione finanzia il consigliere D’Acri (anche) per l’agricoltura biologica!

Mauro D'Acri e Palla Palla
E’ da ieri pomeriggio che i dipendenti del Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria sono in fibrillazione. I responsabili della loro struttura hanno “liquidato” da qualche tempo i finanziamenti previsti per la cosiddetta Misura 11 del PSR 2014-2020 che riguardano l’agricoltura biologica e sono saltati letteralmente dalla sedia per quello che hanno visto e letto con i loro occhi.
Ci siamo già occupati della Misura 11 del PSR e quindi dell’agricoltura biologica. Tra i beneficiari c’è anche l’azienda di Adriana Toman, la compagna del presidente Palla Palla. Non è illegale assegnare fondi alle compagne dei presidenti, ma va da se che l’opportunità politica e a questo punto anche morale consiglierebbe altre scelte.
Ma qui la Toman non è l’unico scandalo.
Sì, perché nell’elenco dei beneficiari nell’apposita graduatoria, scartabellando per bene, al numero 774 si trova addirittura il consigliere delegato all’agricoltura di Palla Palla ovvero Mauro D’Acri. Cose da pazzi.
Il Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria finanzia direttamente il consigliere regionale delegato all’agricoltura (!!!) dal presidente Palla Palla.
Advertising

mauroE il caso limite che vi stiamo raccontando non è neanche una noviyà in assoluto perché non più tardi di qualche mese fa abbiamo pubblicato un’accorata lettera di una dipendente della Regione (che ci ha anche lasciato nome e cognome) che denunciava un’altra porcheria simile, passata ovviamente sotto silenzio.

Ecco il testo della lettera.

Carissimo Direttore,

sono una dipendente della Regione Calabria ed oggi leggendo l’ultimo numero del BURC sono rimasta sorpresa.

Il BURC n. 57 del 16/05/2016 parte II, pubblica al suo interno il Decreto del Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari il n. 5014 del 4/05/2016, che liquida la somma di € 72.484,49 all’O.P. APROZOO.

Il problema, almeno a mio parere, è che il presidente dell’O.P. APROZOO è il Consigliere delegato all’Agricoltura, Mauro D’Acri.

Sul profilo biografico di D’Acri, consultabile sul sito della Regione, si legge: “Socio dell’A.PRO.ZOO., una cooperativa di allevatori che ha quale obiettivo la valorizzare della produzione dei soci, è attualmente Presidente del Consiglio di amministrazione”.

E’ normale? Non ci sono conflitti d’interessi?

Lettera firmata

Uno più uno fa due. Dunque, non solo D’Acri si è pappato 72mila euro per la sua azienda attraverso questo estratto del BURC (Bollettino Ufficiale Regione Calabria) che ci ha citato la dipendente regionale. Ma adesso gli diamo anche altri soldi per l’agricoltura biologica.

Ma possibile che non ci sia nessuno che si scandalizzi o meglio, che si indigni?