La Regione vara il Tavolo sulla musica ma non invita i Conservatori. Roba da Palla Palla

Advertising

NOTA STAMPA A FIRMA CONGIUNTA DEI DIRETTORI DEI CONSERVATORI DI MUSICA DI COSENZA, VIBO VALENTIA E REGGIO CALABRIA

Nell’apprendere che in data odierna, lunedì 21 dicembre 2015, alle ore 17,00 presso il Teatro Auditorium Unical si terrà un Tavolo tematico su Musica, creatività e imprese della produzione musicale, nell’ambito del Forum regionale della Cultura, indetto dalla Regione Calabria in collaborazione con l’Università della Calabria, si registra che i Conservatori di Musica di Cosenza, di Vibo Valentia e di Reggio Calabria non sono stati invitati a partecipare al sopracitato Tavolo, né risultano contatti istituzionali volti a favorire la partecipazione dei relativi rappresentanti.

Si sottolinea che i Conservatori di Musica sono sedi primarie di alta formazione, di specializzazione, di ricerca e di produzione musicale. Pertanto risulta incomprensibile il mancato coinvolgimento istituzionale delle strutture AFAM (Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica) della nostra regione nell’ambito di un tavolo che si appresta a discutere le sorti, le prospettive e le strategie regionali per una programmazione delle politiche culturali, in generale, e in particolare dello sviluppo e della qualificazione della produzione musicale nei prossimi anni.

Il Direttore del Conservatorio di Musica “S. Giacomantonio” di Cosenza

M° Antonella Calvelli

Il Direttore del Conservatorio di Musica “F. Torrefranca” di Vibo Valentia

M° Francesco Antonio Pollice

Il Direttore del Conservatorio di Musica “F. Cilea” di Reggio Calabria

M° Franco Barillà

Ancora un clamoroso “scivolone” del governatore Oliverio. Ma com’è possibile non invitare i responsabili dei Conservatori calabresi ad una iniziativa sulla musica e sulla creatività della produzione musicale? Forse Oliverio e i suoi collaboratori, presi dalla foga di organizzare qualcosa che possiamo facilmente immaginare, non vogliono professionisti seri in mezzo alle loro discussioni di nicchia?

In ogni caso, un clamoroso autogol. Che non può passare inosservato.