Lamezia, duplice omicidio Izzo-Molinaro: 5 arresti

La Polizia di Stato di Catanzaro, a seguito di indagini coordinate dalla Procura Distrettuale del capoluogo, ha eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di altrettanti esponenti delle cosche Giampa’, Torcasio e Cerra, per l’omicidio di Pasquale Izzo e Giovanni Molinaro, avvenuto nel dicembre del 2000.
Gli arrestati sono Aldo Notarianni, di 51 anni; Giovanni Notarianni detto “Gianluca” (45); Antonio Villella detto “Crozza” (40); Vincenzo Torcasio (36); Pasquale Gullo (45).
Al momento del delitto, le vittime si trovavano all’interno di un affollato bar di Lamezia Terme.
Localizzate dal commando omicida, vennero raggiunte da numerosi colpi di revolver e uccise.
La ricostruzione investigativa della squadra mobile di Catanzaro e del commissariato di pubblica sicurezza di Lamezia Terme, sotto la Direzione della DDA di Catanzaro, ha permesso di accertare che il delitto venne deciso e programmato dai vertici della ‘ndrangheta lametina, all’epoca composta da una sola cosca che riuniva le famiglie Giampa’, Cerra e Torcasio, per vendetta in quanto Izzo, appartenente alla contrapposta famiglia Cannizzaro della frazione Sambiase, era ritenuta coinvolta nel precedente omicidio di Giovanni Torcasio, capo della omonima consorteria.
I particolari dell’operazione saranno resi noti durante il corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11.30 al Centro Polifunzionale della Polizia di Stato di Catanzaro.