Le truppe gentiliane come gli aerei di Mussolini

Advertising

In principio erano gli “aerei di Mussolini”: sempre gli stessi, nei diversi aeroporti dove il duce passava in rassegna e credeva di contare le forze aree con cui l’Italia avrebbe dovuto entrare in guerra.

Poi sono diventate le “vacche di Fanfani”: sempre le stesse in ogni fattoria che l’eterno big della Dc visitava quando faceva il ministro dell’Agricoltura.

Aerei e vacche, certo, ma solo metafore per rappresentare l’ideale del “partito di massa” tanto caro ai politici, più o meno autoritari che siano.

In tempi più recenti invece si è riscoperto il termine truppe cammellate. Parliamo delle formazioni che affiancarono le forze armate coloniali italiane per indicare una sorta di voto di scambio all’ingrosso. Invece di “tu dare soldi io vendere cammello”, la frase si trasforma in “io ti dò un posto di lavoro, tu mi voti per sempre e vieni a tutte le manifestazioni dove mi servi”.

Tonino-e-Pino-Gentile

I fratelli Cinghiale, pardon Gentile sono famosi per le loro “prove di forza” ovvero le convention nelle quali chiamano a raccolta tutti i loro clienti sistemati nel corso degli anni grazie alla loro politica.

Il giornalista Giampaolo Pansa, che aveva esaminato il fenomeno a proposito di Clemente Mastella ribattezzando le truppe cammellate in truppe mastelliane, le chiamerebbe senz’altro truppe gentiliane.

Sono centinaia e centinaia di lavoratori attivi soprattutto nella sanità e nel settore delle case popolari, il marchio di fabbrica dei Gentile. Ma anche decine e decine di dipendenti e amministratori comunali sparsi per tutto il territorio provinciale, beneficiari di appalti e contributi, amici degli amici. Alla fine questa marea di gente non manca mai al loro richiamo in ogni competizione elettorale che si rispetti rappresentando, come da copione, la prova di forza di chi sa di poter contare su un pacchetto di voti clientelari che non tradisce mai.

L’ultima è andata in scena al Cinema Italia a novembre 2014.

Pino Gentile
Pino Gentile

Pino, o meglio compa’ Pinuzzu, è molto più amato di Tonino. Quando sale sul palco, la gente si alza per tributargli una surreale standing ovation e scandisce ritmicamente “Pi-no, Pi-no” almeno per un lunghissimo minuto. Il Gentile meno colto (sempre per usare un eufemismo) quasi si commuove (anche questo fa parte del copione) e ringrazia per tifo e affetto.

Basta la presenza.

gentile-sottosegretario

Tonino invece fa il presentatore. Gli hanno preparato un pezzo del monologo di “Ogni maledetta domenica” con la voce di Al Pacino e il ritornello di “Pride” degli U2 (chissà cosa ne penserebbe Bono Vox) per creargli il clima. E lui non perde tempo per affermare (udite udite!) che la vera novità delle Regionali di novembre 2014 è stata il suo partito, l’NCD, facendo il verso (involontariamente?) a Cetto Laqualunque.

Il finale? Resterà storico l’invito del ministro Alfano a fare figli per fermare l’immigrazione ma ancora di più la fatidica frase “la mafia produce sottosviluppo”….

E in sala calò il gelo!