Lettera aperta al sindaco: “Mandi via Guarascio” (di Piero Scalzo)

Advertising

Egregio signor sindaco,
ho visto dalle foto che lei è stato a presenziare la serata di ieri al San Vito Marulla.

Ebbene, spero che si sia reso conto che Cosenza è una città che, per crescere, lo deve fare anche attraverso lo sport ed in particolare con quello che più di tutti è seguito dai cosentini, il calcio…

È bastata una semplice amichevole per lo più in un sabato di agosto, notoriamente deserto a Cosenza, per far capire quanta fame di calcio e che potenziale ha questa città se solo si alzasse il livello. Quasi 20 mila persone, penso che siano la risposta migliore a chi continua a dire che a Cosenza il calcio non tira più…

Il calcio tira, eccome, basta solo saperlo fare, saper programmare, e vedrà che Cosenza diventerà il Sassuolo del sud Italia… Certo, ci sono alcune cose da fare per realizzare tutto ciò, ed è per questo che le scrivo, per ricordarglielo…

minkLa prima, la più importante : MANDI VIA GUARASCIO, è il primo passo per poter raggiungere il sogno che sta vivendo ora Crotone, e con lui al comando può starne certo che non si realizzerà mai…

Per carità, sarà una brava persona, e come dicono molti dobbiamo essergli grati perché ci iscrive al campionato, non abbiamo penalizzazioni, non abbiamo debiti…ma lui e il calcio sono due mondi diversi. Non è un appassionato di questo sport, non tifa Cosenza, non è di Cosenza, non ama i talenti cosentini, non conosce i tempi calcistici, non gliene frega un cazzo se la gente non viene allo stadio, non considera il vivaio, non è amato neanche dai suoi dipendenti !!!

vreInsomma, non è il presidente che meritiamo. La prego, così come lo ha esortato a prendersi questa società, lo esorti ora a mettersi da parte e faccia posto a qualcuno che abbia più a cuore le sorti di questa città, qualcuno più ambizioso, più intelligente, perché solo un ignorante ( nel senso che ignora ) non capisce che basterebbe poco per far ritornare l’entusiasmo, per far tornare la gente allo stadio, per poter stare anche noi dove gli altri sono stati!!!

La seconda cosa, e non meno importante, riguarda lo stadio… Non dico il Santiago Bernabeu per come decantato in campagna elettorale, ma migliorare e andare a ringiovanire quello che abbiamo, almeno quello, che diamine!!!

So che lei è un tipo caparbio e se si mette in testa una cosa, la deve realizzare… La prego, ci pensi su, faccia subito queste due piccole cose per Cosenza, dopo tutto, sarebbe il modo migliore per sdebitarsi con la città per averla riconfermata !!! E non dia retta a tutti quelli che ora insorgeranno per il solo fatto che ho parlato male di Guarascio…è gente povera di spirito e lei invece non è così…la saluto cordialmente.

Piero Scalzo