Lettere a Iacchite’: “Caro senatore, perché non vedi la trave nel tuo occhio?”

Gent.mo. Dr. Carchidi,

le scrivo perché la sua onestà intellettuale e il non essere asservito a nessun padrone le permetterà di dare ascolto alla mia lettera che altro non è che uno sfogo personale, purtroppo, se lo riterrà degno della sua attenzione.

Le confesso di aver simpatizzato per il movimento grillino sin dalla prima ora, sin dall’ormai remoto e lontanissimo V-day.
Anche io, come chiunque altro, mi sono lasciata affascinare da quello che si presentava come un vero cambiamento profondo e un terremoto nelle stanze del potere politico.

Ad oggi purtroppo le confesso che la delusione che mi sale dentro ogni qual volta leggo un comunicato degli esponenti grillini calabresi è devastante.
Forse nelle altre regioni d’Italia il movimento ha fatto il suo corso seguendo i principi ispiratori. In Calabria sicuramente no.
Le scelte del movimento grillino calabrese sono state tragicomiche. Degne della migliore casta politica democristiana degli scorsi decenni.

Dalla scelta dei candidati a sindaco della città di Cosenza (e tralasciamo perché il suo giornale ha ben esposto i fatti all’epoca), a chi siede oggi alla Camera: qualcuno che per sua stessa ammissione in un video è entrata nel movimento un mese prima della presentazione della candidatura; o ancora persone tesserate e candidate precedentemente in altri partiti.
Un pout-pourri di rappresentanti insomma che nulla o poco avevano a che fare con i principi ispiratori del movimento.

Ma la vera ciliegina sulla torta, caro dr. Carchidi, la raggiungiamo con il massimo esponente del movimento calabrese, che siede in Senato da ben 2 legislature e che è il Deus ex machina del grillismo in Calabria.
Mi creda, ogni qual volta leggo i suoi comunicati pieni zeppi di condanne contro il malaffare, i debiti altrui, l’onestà eccetera eccetera mi chiedo se questa persona abbia una faccia tosta da meritare un premio.
Che sia proprio lui a puntare il dito contro gli altri è incredibile. (Che poi a dirla tutta, è da poco che si è svegliato perché durante la prima legislatura da cittadina mi ero persino scordata che fosse stato eletto, vista la sua inerzia politica). Comunque, tornando all’onorevole senatore, l’antico testamento recita che “le colpe dei padri ricadranno sui figli” ma in questo caso è esattamente il contrario. Perché vede, in questo caso sono le colpe dei figli che dovrebbero ricadere sui padri. Cosenza è piccola, si sa, ci conosciamo tutti e le voci corrono. E allora l’onorevole senatore, prima di alzarsi sullo scranno e condannare a destra e a sinistra per vicissitudini personali, dovrebbe guardare in casa sua. 

Perché, si vocifera, se l’onorevole senatore guarda in casa propria, di debiti e pignoramenti ne troverà in abbondanza. Le attività imprenditoriali del proprio figlio si rivelano, da anni, fallimentari, lasciando dietro una scia di debiti, fornitori non pagati, e COSA GRAVISSIMA, dipendenti che hanno prestato il loro lavoro e non sono stati pagati. 

Sembrerebbe che, tra tutte le attività imprenditoriali ossia il Cantiere31, il Retrò ed il Ginger Beach sulla costa di Bonifati, abbia collezionato denunce per schiamazzi e disturbo della quiete pubblica, pignoramenti di arredi e cucine per decreti ingiuntivi promossi da fornitori “bruciati” e persino, con il Ginger Beach, denunce dalla Guardia Costiera perché privo della concessione della spiaggia e anche qui dipendenti che aspettano da 3 anni di essere pagati (e questa secondo me è la cosa più grave, perché un imprenditore prima di tutto dovrebbe onorare il lavoro dei propri dipendenti e poi tutto il resto).

Vede dr. Carchidi, le voci corrono e da dire ce ne sarebbe tanto, ad esempio che un padre che ricopre il ruolo di senatore della Repubblica dovrebbe tirare le orecchie (o meglio calci nel sedere) ad un figlio che apre una attività sulla spiaggia senza chiedere prima i dovuti permessi, anziché accompagnarlo in giro DOPO spendendo il proprio nome di senatore, con l’arroganza tipica del miglior vecchio politico da prima Repubblica, ma davvero di delusione dal M5S calabrese ne ho già avuto tanta. Allora mi limito a dire che i principi di onestà e correttezza uno dovrebbe PRATICARLI in casa propria prima di PREDICARLi agli altri. 

Non voglio condannare nè giudicare azioni personali che non hanno niente a che fare con la politica, perché ognuno è padrone della sua vita, e non essere un bravo imprenditore non può certo essere una colpa, però da un esponente senatore grillino certe lezioni di vita e di onestà dovrebbero essere date prima a se stessi ed ai propri figli e dopo agli altri.
E tanto per restare in tema biblico, caro dr. Carchidi, mi permetta di concludere rivolgendomi al nostro onorevole senatore e rappresentante: “Perchè guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio?”.

Ah, un’ultima cosa dr. Carchidi: io alle ultime elezioni non ho votato. E non credo tornerò più nel seggio elettorale. Mi dispiace solo che i miei figli troveranno quello che noi oggi lasciamo. La Calabria è condannata a restare ciò che è.

Grazie per il tempo che ha voluto dedicare nel leggere il mio piccolo sfogo personale.
Buon lavoro.