Lettere a Iacchite’: “Liceo scientifico Pitagora di Rende, siamo su Scherzi a parte?”

Advertising

Caro Gabriele,

come avrai letto dall’oggetto della mail (che è diventato il titolo della lettera, ndr), io ed altri genitori di figli che frequentano il liceo scientifico di Rende – Pitagora, ci chiediamo da giorni se siamo su “Scherzi a parte”. La prima imprecazione che ci è venuta da cosentini è proprio IACCHITE’ ma chissa è ciota!!!

Si rasenta la follia pura e la legittimità sul piano penale.
Purtroppo le solite “bestie di satana” (solo così sono definibili) nei giorni dell’occupazione (dal 3 al 7 novembre) hanno avuto la fantastica idea di sfasciare aule e suppellettili causando (a dire del perito intervenuto) diverse migliaia di euro di danni.
Ovviamente tutti hanno pensato che con quel sistema efficiente di telecamere i responsabili sarebbero stati consegnati alla giustizia.
Le voci erano diverse: sono stati ragazzi venuti da fuori con la complicità di studenti del Pitagora; sono stati studenti del Pitagora figli di papà…. l’hannu canusciuti ma un ni ponnu tocca’…
Però anziché chiamare alle responsabilità gli alunni che si sono macchiati di questo reato (perchè di reato penale parliamo) la dirigente scolastica ha avuto la felice idea di inventarsi una sorta di colletta commisurata al numero di assenze fatte dagli studenti in quei giorni, stabilendo un vero e proprio tariffario. 70 euro agli studenti che si sono assentati un giorno, 140 euro a chi si è assentato due giorni e 450 euro (!!!) a chi si è assentato tre giorni. 
scherzi-a-parteBeh… oltre al danno la beffa.
In quei giorni io ho consigliato mio figlio (come altri genitori) di rimanere al caldo del letto anziché mischiarsi in una lotta senza senso che aveva (come ogni anno del resto) l’unico scopo di fare “filuni”.
Una scuola perfetta come il Pitagora l’unica forma di protesta che può consentirsi, a nostro avviso, è quella di mandare a casa questa “spertazzuna” di Dirigente.
L’aver tenuto lontano dalle inutili proteste i figli in quel periodo (3 giorni) dovrebbe comportarci una colletta natalizia di 450 €/famiglia. Questa colletta mi ricorda tanto quelle natalizie della malavita cosentina nel periodo natalizio.
La domanda ci sorge spontanea…ma sa ciota i sordi cumu i vò? spicci? a centuliri…
Per ora ci facciamo una risata sopra ed auspichiamo una retromarcia da parte della scienziata stante l’effetto lassativo che ha avuto sugli studenti.
Però se così non fosse è già pronta una denuncia per diversi reati… Qui, praticamente, per coprire il solito figlio di paparino scalmanato facciamo pagare i fessi…
Ecco da dove parte il sistema corrotto cosentino da te tanto denunciato ed il Pitagora sembra essere una buona scuola per le generazioni future.
Con stima
L.V.