Lettere a Iacchite’: “Provincia, ma perché non si indicono nuove elezioni?”

Advertising

Spett.le redazione IACCHITE’ volevo dare un contributo al vs giornale in merito alle vicende penose che si stanno realizzando alla PROVINCIA DI COSENZA che allo stato attuale sono diventate una vera e propria  farsa.

Oramai è risaputo che il sindaco di Cosenza ed ex Presidente della Provincia è  decaduto (da tutte e due gli incarichi) a seguito delle dimissioni dei consiglieri comunali e contestuale scioglimento del consiglio.

Così ha anche stabilito il TAR Calabria con la sentenza n. 1060/2015 che recita testualmente :

”…. La presentazione delle dimissioni ultra dimidium, di cui all’art. 141 comma 1,lett. b) , del D.lgs 18 agosto 2000, n. 267 , comportano ipso jure lo scioglimento del consiglio comunale.

La legge 7.4.2014 n.56 recante “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni” (legge Del Rio) all’art. 1 stabilisce che “ Il Presidente della Provincia decade dalla carica in caso di cessazione dalla carica di sindaco”.

In forza del combinato disposto delle due norme, si deve ritenere che, verificatosi l’effetto dissolutorio del Consiglio comunale di Cosenza per le dimissioni della maggioranza di consiglieri, il Sindaco è ipso jure decaduto dalla carica di Presidente della Provincia.

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 1721/2015, ha ribadito che nel caso di dimissioni collettive dei consiglieri comunali” l’effetto tipico è lo scioglimento immediato dell’organo collegiale, dovendosi escludere che in detta evenienza i consiglieri comunali restino in carica fino a quando non vengono dichiarati sciolti con decreto del Presidente della Repubblica”.

Da quanto sopra consegue che il Sindaco, cessato dalle funzioni con effetto immediato, è decaduto altresì dalla carica di Presidente della Provincia ex art. 1 n. 65 legge n. 56/2014 con conseguente nullità del decreto n. 3 /16 con cui vengono accettate le dimissioni del consigliere provinciale Di Nardo Lino dall’incarico di vice presidente della provincia di Cosenza e viene nominato in sostituzione il consigliere provinciale Francesco Giuseppe Bruno e degli atti di convocazione del consiglio provinciale dell’8.2.2016 prot. n. 4747 “.

Viene da porsi una semplice domanda :

Come mai a seguito della decadenza del Presidente non sono state indette le elezioni per il nuovo Consiglio?  

Difatti la legge n.56/2014 (legge Del Rio) prevede all’art. 79 comma b che l’elezione del Presidente della Provincia è indetta e si svolge entro 90 giorni dalla scadenza per fine del mandato ovvero dalla decadenza o scioglimento anticipato degli organi provinciali.

Siamo in presenza di una vera e propria violazione di legge. Qualcuno interviene ?

e. g.

PS: e la foto di Occhiuto è sempre lì sulla home del sito istituzionale. Suggeriamo all’ex sindaco di aggiungere: “Fatemi vincere al primo turno”.