Lettere a Iacchite’: “Unical, il concorsone per precari e Crudelia del Campus”

Advertising

In prossimità dello scorso Natale si sono espletate ancora una volta le procedure per il famigerato concorsone per precari presso il centro linguistico d’ateneo (CLA) dell’Unical.  L’atmosfera natalizia faceva ben sperare per un aspirante precario come me che decide di sottoporsi ad una valutazione per così dire accademica.

Ora si può accettare di essere esclusi dal “sogno” di diventare precari, ma che la signora Carmen Argondizzo in D’Ignazio mi attribuisca una mancanza di requisiti per insistere nelle sue macchinazioni da “Crudelia del Campus” mi riesce veramente inaccettabile.

Le procedure di valutazione architettate la dicono lunga, altro che magia natalizia.

La signora Carmen Argondizzo si è data alla macchia. Da Presidente quale era, direte, era troppo oberata di lavoro o, forse, si era data allo shopping natalizio per smaltire tutti i suoi guadagni CLA.  Sta di fatto che ha tatticamente schierato sul campo di battaglia la crème de la crème del CLA, la sua quintessenza, mentre lei, la “Crudelia del Campus, restava a manovrare le fila dietro le quinte.

Sta di fatto che sono stato valutato come mancante di requisiti da una commissione che, in quanto a requisiti, rappresenta un fiore all’occhiello. Dei tre emeriti, due hanno un recente trascorso di bocciatura al concorso nazionale per professori, mentre l’altro componente detiene il requisito indispensabile di essere sprovvisto di diploma di laurea… fate voi…

I risultati poi la dicono ancora più lunga.  I vincitori risultano avere il requisito “legale” di aver già prestato 36 mesi di servizio presso il CLA. Però, è tutta da addebitare alla magia natalizia l’operazione legale e trasparente della signora Carmen Argondizzo di rinnovare i contratti in barba alle normative vigenti. Sì perché lei, la Carmen Argondizzo, ha imposto di prestare ben 35 e non 36 mesi di servizio… facta lex inventa fraus… insomma, la trovata di Crudelia per tagliare fuori definitivamente i novelli aspiranti precari.

Ora gira voce che, avendo riscosso tanto successo, a breve ci sarà una replica delle performance con un nuovo concorso. Magari questa volta le cose andranno in un certo modo non per colpa di ulteriori macchinazioni da Crudelia della signora Carmen Argondizzo, ma semplicemente per l’aria di coriandoli, chiacchiere e mascherine che tirerà.

Vale la pena non perdersi le prossime puntate anche per vedere come si avvia l’operato del nuovo comitato tecnico-scientifico dopo la sua recente nomina. Annovera, infatti, tra i suoi compiti prioritari la convocazione delle elezioni del nuovo Presidente del CLA. Sì, perché dopo l’illegittimo mandato pluriennale della signora Carmen Argondizzo, la poltrona giace scoperta. Aria di rinnovamento? Vedremo, anche perché la signora Carmen Argondizzo è a pieno titolo componente dello stesso comitato tecnico-scientifico.

Per certo, il nuovo comitato tecnico-scientifico ha il dovere istituzionale di vigilare sulla regolarità delle procedure dei futuri concorsoni CLA in nome della tanto declamata legalità. Ciò al fine di fermare la signora Carmen Argondizzo dal continuare a perpetrare tali abusi. Un esempio per tutti? Tra i vincitori di contratti a vari titoli negli anni si è visto circolare anche un certo Michele d’Ignazio, ebbene sì, rampollo dell’ex Presidente Carmen Argondizzo e dell’ex Prorettore Guerino D’Ignazio! Fate voi…

Un aspirante precario