Lettere a Iacchite’: “Amantea, l’amministrazione racconta solo favole”

Advertising

Le ferie sono terminate e ad Amantea si tirano i remi in barca per fare il bilancio dell’estate passata. Sono trascorsi anche i famosi primi  100 giorni  dall’insediamento della nuova amministrazione comunale targata PD, pubblicizzati con un comunicato stampa che a qualcuno, come viene detto comunemente ad Amantea, ha fatto “rascare‘a faccia” !!!

Ma veniamo ai fatti! Nel comunicato si narra, a mo’ di favoletta, ciò che è stato fatto nei cento giorni e di quello che sì vorrebbe fare. (molti faremo e pochi ABBIAMO FATTO)

Relativamente ad alcuni interventi annunciati dall’amministrazione,vediamo come stanno realmente le cose:

  • Sul dissesto, cavallo di battaglia in campagna elettorale, Pizzino (e non solo), in più riprese, ha parlato di un’ opportunità per il paese, non solo, assicurando al popolo di voler procedere con un ricorso contro il parere di dissesto in quanto non giustificato. Sarebbe interessante capire se verrà mantenuta la promessa di voler ricorrere contro la dichiarazione di dissesto così come annunciato in campagna elettorale.
  • Al finanziamento destinato alla scuola pubblica si è arrivati in seguito all’esecuzione delle indagini sulla sicurezza strutturale della scuola “G.Mameli” eseguite durante il commissariamento del comune di Amantea,- rientrante nell’elenco B di cui alla deliberazione di Giunta Regionale n.292 del 14/07/2014 tra le opere infrastrutturali di competenza regionale. Al termine delle stesse si è presentato un problema di estrema gravità sia dal punto di vista scolastico che comunitario. La commissaria prefettizia Dott.sa Colosimo avanzò, dunque, la richiesta di contributo alla Regione Calabria, nei tempi utili, con  delibera n.28 del 29/03/2017 per i “lavori di adeguamento sismico e parziale demolizione e ricostruzione della Scuola Media “G.Mameli”, per un intervento totale di €  914.731,57. Qundi, per il finanziamento destinato all’intervento di adeguamento per la Mameli, le maniche se le sono sicuramente rimboccate i tecnici comunali durante il commissariamento!!
  • Sul porto di Amantea, la commissione di valutazione del Dipartimento Infrastrutture della Regione Calabria ha approvato la graduatoria finale delle domande di partecipazione al bando porti per l’asse VII -azione 7.2.2 del POR FESR 2014-2020. Su undici proposte presentate solo otto sono state ammesse e di queste solo quattro, al momento, saranno ammesse al finanziamento.  In sostanza i primi quattro (Isola Capo Rizzuto, Roccella Jonica, Cirò Marina e Cetraro) saranno certamente finanziati nei tempi stabiliti dal bando. Il progetto presentato dal comune di Amantea durante il commissariamento è stato valutato con un punteggio di 63,50/100  posizionandosi al settimo posto.  Purtroppo , per i restanti 5 progetti  la Regione Calabria non ha al momento le risorse necessarie.

Su questo mi aspetterei dall’attuale amministrazione un atteggiamento più deciso verso la Regione Calabria che prima promuove un bando per 20 milioni di euro per la portualità e poi non trova la copertura per i progetti approvati.   Non bisogna perdere tempo se si vuole salvare il porto di Amantea, l’amministrazione deve andare a “sbattere” i pugni sul tavolo della Regione Calabria per fare rientrare il progetto di Amantea tra quelli da finanziare entro l’anno..

  • Sul centro storico, fa piacere scoprire che Amantea beneficerà di un finanziamento assai cospicuo (dicono oltre un milione di euro) per il ripristino dello stesso, il problema è che sembra un finanziamento uscito dal nulla. Ci piacerebbe conoscere con certezza a quale bando si fa riferimento. Sarebbe interessante avere qualche informazione in più; al popolo interessano i fatti e  non la filosofia !!!
  • Sul campus Francesco Tonnara, scopriamo che nei primi 100 giorni, quando ancora si parlava del Campus come sistemazione per gli studenti delle scuole medie, si presentava un progetto per completare il Campus. Francesco Tonnara… che bella notizia!Noi però, che ricerchiamo la chiarezza, sappiamo come stanno realmente le cose e ricordiamo all’attuale amministrazione che per il campus esiste la delibera N.228 del 11 dicembre 2013 con cui l’amministrazione dell’epoca stanziava la somma di 250.000 per adeguare e completare il Campus nonché per rendere fruibili i locali destinati a pinacoteca e biblioteca.
  • Non solo, apprendiamo che a breve inizieranno i lavori per l’ammodernamento del lungomare, probabilmente per ammodernare le vecchie panchine fatiscenti per la prossima estate, dissesto permettendo!
  • Sul programma estivo andrebbe solo dato merito alle associazioni e a quei cittadini di buona volontà, ecco spiegata la realizzazione a costo zero del programma.
  • Sul verde pubblico, si fa davvero fatica a capire a cosa si faccia riferimento. Noi abbiamo visto piantumare solo qualche piantina, ad inizio Agosto, per soddisfare evidentemente la voglia di selfie di qualche consigliere comunale, piantine che ora sono già miseramente seccate ed abbandonate!
  • Sempre nei cento giorni, dopo le dimissioni di Giusta, non si è ancora riusciti a nominarel’Assessore al Bilancio per evitare spaccature all’interno della maggioranza di governo.Nessuna decisione; piuttosto si preferisce lasciare tutto in sospeso e tacere sull’argomento.

Francamente mi sarei aspettato più concretezza e meno pressappochismo sui temi strategici della città. Nessuno pensi di illudere i cittadini prendendosi meriti che non si hanno, ciò sarebbe un atto di indiscutibile pochezza. Purtroppo va recuperato un gap con la progettualità mancata che dura da almeno vent’anni. Avremmo auspicato per il nostro paese un vero ricambio politico che, sicuramente o almeno,  avrebbe portato nuovi stimoli. Amantea paga ancora il peccato originale di lamentarsi sempre dopo il voto, essendo ancora referente alla stessa politica affaristica. Ricordiamoci sempre che i cittadini sono i principali azionisti dell’ azienda comunale; bisognerebbe sempre scegliere i migliori dirigenti per non fare fallire l’azienda.

Nell’ultimo ventennio ad Amantea le scelte fatte  non sono state certamente lungimiranti e i risultati sono drammaticamente sotto gli occhi di tutti!!  Ovviamente, per l’ottimismo che ci contraddistingue, auspichiamo per il bene del paese che qualcosa venga realmente fatta e la stagione delle favole termini seriamente prima possibile!

Vincenzo Lazzaroli