Lettere a Iacchite’: “Bcc di Verbicaro: vergogna senza fine”

Advertising

IL LUPO PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO

Riceviamo e pubblichiamo da parte di alcuni soci della Banca di Credito Cooperativo di Verbicaro

Nonostante l’ingresso nel consiglio di amministrazione di una serie di “luminari” il bilancio dell’anno 2016 è stato chiuso con un attivo che non supera i 100 mila euro. In poche parole l’istituto di credito è alla frutta.

Di contro altri istituti di credito cooperativo come la consorella BCC Mediocrati di Cosenza ha chiuso con un attivo – per l’anno 2016 – di oltre un milione di euro. La pochezza degli amministratori in carica è palese sol se si ricordano gli attivi che l’istituto realizzava allorquando il Presidente era Zito.

Zito non eletto dai soci a scapito dell’attuale Presidente, Francesco Silvestri, cugino del sindaco di Verbicaro (Verbicaro Guarda Avanti, il Gusto del bello), che tra l’altro non possiede alcuna competenza – oltre che titolo – per dirigere un istituto di credito.

Da quando il Silvestri, insieme ai “luminari e dotti professionisti venuti da Scalea”, amministra la banca dei verbicaresi, si assumono dipendenti senza concorsi.

Si ricorda l’assunzione della dottoressa Cersosimo da Cosenza, si dice fortemente voluta in servizio dal Direttore dell’istituto di credito De Bonis, nonostante il personale in esubero, nonché del signor Cirelli da Scalea, figlio di un dipendente dell’istituto di credito che ha già lasciato il posto al figlio.

Alla vergogna non vi è fine. Nel silenzio dei massimi rappresentanti istituzionali del Comune di Verbicaro, della Banca D’Italia e dei soci. Soci e loro genitori, mortificati. Ed infatti moltissimi figli di soci hanno acquisito lauree in scienze bancarie: come ai tempi dei Borboni e del miglior nepotismo politico, il padre lascia il posto in favore del figlio.

Ci si pone una domanda: ma il posto oggi assegnato a Cirelli junior era di “titolarità della famiglia Cirelli”? E’ proprio vero, ha ragione il sindaco di Verbicaro: Verbicaro GUARDA INDIETRO.

Un gruppo di soci della BCC di Verbicaro