Lettere a Iacchite’: “Calabria Verde, Iacucci e l’avvocato Barba”

Advertising

Illustrissimo Direttore Carchidi,

siamo un gruppo di giovani avvocati che la leggono sempre con piacere, perché dice la verità su tutto ciò che sinora non è stato mai detto dai media! E la dice contro tutti, destra e sinistra, senza guardare in faccia nessuno.

Non pensiamo le sia sfuggito l’interrogatorio del presidente della Provincia Iacucci, accompagnato da un avvocato – Gregorio Barba – già condannato con sentenza in via definitiva della corte di Cassazione per aver difeso in maniera fraudolenta anni fa l’immarcescibile Franco La Rupa da una ipotesi di abuso d’ufficio presso il Comune di Amantea (http://www.iacchite.com/calabria-verde-ruolo-chiave-gennarino-magnone-linterrogatorio-iacucci/).

L’avvocato Barba, già sindaco di Malito, è legato a Iacucci ed ai poteri forti ovvero la massoneria da sempre ma in quel caso, per difendere La Rupa, ha falsificato dei documenti presso il Comune di Amantea, è stato scoperto dalla Procura di Paola e condannato per il falso dopo ben tre gradi di giudizio.

Un altro consiglio dell’Ordine degli Avvocati lo avrebbe radiato. Quello di Cosenza lo ha salvato e neanche processato!

Quando Franco Iacucci era ancora il potentissimo braccio destro di Oliverio in Regione e dettava gli ordini sugli enti partecipati, ha imposto l’impresentabile avvocato Gregorio Barba anche per le cause di Calabria Verde. Ed ora viene difeso da colui che dovrebbe essere radiato dall’Albo (per aver commesso un reato in favore di La Rupa) proprio per analoghe imposizioni di assunzioni in Calabria Verde.

Questa storia di ignobile intreccio non la ha ancora raccontata, caro Direttore.

Oggi Iacucci lo nomina suo difensore nel brutto affare di Calabria Verde, sperando magari di avere gli stessi servigi resi anni fa a Franco La Rupa.

Siamo indignati per il solito andazzo! Perché siamo certi che la maggior parte delle cause della Provincia andranno ad un avvocato da radiare… se non ne abbia già avute dal compare Iacucci.

Un gruppo di giovani avvocati