Lettere a Iacchite’, Caricchio abbandonata, e De Cicco offende i cittadini

Advertising

Al signor sindaco, all’assessore ai quartieri Francesco De Cicco, alla signorina Sabato e a tutta l’amministrazione comunale:

volevo comunicare alle istituzioni tutte che Caricchio oramai è un quartiere abbandonato a se stesso. Nella sventura del fuoco che ha lambito le nostre abitazioni, sta la vostra fortuna: le fiamme hanno bruciato tutte le “prove” schiaccianti della vostra irresponsabile ed inconcludente capacità di amministrare. Sporcizia, spazzatura ed erbaccia.

La città di Cosenza “a mal’uncinu ha mpicatu a viertula” . Per tutto quello che non avete mai fatto per questo quartiere l’unica soluzione sono le vostre dimissioni che qui attendiamo in tanti. Ci sentiamo abbandonati dalla vostra amministrazione, fatevi una passeggiata nei quartieri invece di andare a passeggio nel centro città dove i lavori e la pulizia vengono eseguiti giornalmente, mentre da noi, nonostante i tanti solleciti, continuiamo a vivere nel degrado e nella sporcizia, e senza nessun servizio di manutenzione del quartiere. Possibile che non si riesce mai a trovare il tempo e le risorse da investire nel nostro quartiere? Anche noi abbiamo diritto di vivere come persone normali e non come animali.

Continuo a sollecitare la riparazione di una perdita di acqua potabile da più di un mese, ma nessuno si muove. E per tutta risposta a questo mio sollecitare l’assessore De Cicco che si rivolge bene ed esegue i lavori solo dove ci sono i suoi amici, mi ha risposto così:

Purtroppo l’assessore De Cicco oltre che scostumato si è dimostrato anche poco informato, il che prova che si occupa solo dei problemi  di quelli che evidentemente lo hanno votato. Infatti la risposta arriva:

Engy Spadaro