Lettere a Iacchite’: “Cosenza, San Giorgio col palo di scopa è inguardabile!”

Advertising

La lancia sottratta al Santo un anno fa nell’opera “San Giorgio e il Drago” che fa parte del Museo all’aperto di corso Mazzini, ora è sostituita dal palo, in legno dorato, di una scopa… Non è soltanto una critica al Sistema che dovrebbe tutelare il nostro patrimonio culturale – oramai l’ Italia intera è in uno stato di abbandono – ma mi rivolgo a quel popolo sovrano che dovrebbe prendere delle iniziative, ed è per questo che simbolicamente la lancia / palo di scopa è il mezzo per ripulire la nostra vita dal Drago dell ‘Ignoranza.

Come per la Targa lasciata sulla base della Grande Bagnante di Emilio Greco spero che voi mi possiate aiutare nel mio intento visto che in un articolo avete messo in evidenza come le opere del MAB siano poco sorvegliate e non coperte da un”adeguata assicurazione. Grazie e buona giornata.

Andrea Bennardo