Lettere a Iacchite’: “Ferrovie della Calabria, una vera indecenza”

Oliverio e Lo Feudo, il deus ex machina delle Ferrovie delle Calabria
Advertising

Questa mia è indirizzata al presidente delle Ferrovie della Calabria.
Sono anni e anni che prendo il treno di martedì per andare a lavorare a Rogliano. E sono anni e anni che so se arrivo ma la sera non so se riesco a rientrare.

Come ogni martedì ieri sera il treno delle 18.45 è stato soppresso senza alcun avviso. Giustamente ho dovuto pregare perché passasse quello delle 20.00, orario nel quale di solito sono già a casa. E naturalmente la fessa della sottoscritta è “solo” uscita di casa dalle ore 7.30 per andare a buscarsi il pane. A pranzo non ha mangiato perché nella zona non ci sono tavole calde né ristoranti. E giustamente deve aspettare i comodi di Ferrovie della Calabria per rientrare a casa alle 21 se va bene forse cenare alle 22 dopo 12 ore di lavoro e magari potersi dare una lavata!

Il tutto mi rode ancora di più visto che l’ente è finanziato dalla Regione quindi dai nostri soldi. Evidentemente come al solito la pila serve per pagare stipendi ai dirigenti di merda che ci lavorano… Mentre ai dipendenti che, a causa del ritardo devono fare ore in più, non viene pagato neanche lo straordinario. In uno stato decente tali incompetenti sarebbero presi a calci in culo visto che non sono in grado di assicurare un servizio che ogni santo giorno è un disservizio. Perché ripeto non è che succede raramente: è una consuetudine ormai stare il giorno a pensare “chissà si stasira passa”. Solo qui in Calabria si vedono incompetenti con mega stipendi che stanno li per non fare nulla. Infatti, visto che sanno se il treno passa o no e visto che hanno i bus, potrebbero benissimo fare trovare un bus se il treno manca. Vorrei vedere se ci viaggiavano i figli loro con i mezzi se prendevano provvedimenti!!!

E la cosa che mi fa più rabbia è che nessuno dei pendolari organizzi una protesta, una raccolta firme o si rifiuti di pagare il biglietto quando lo schifo succede… Ah, dimenticavo… Il 99% dei pendolari ha l’abbonamento quindi le Ferrovie della Calabria si pagano in anticipo per un servizio che non rendono proprio o che offrono a stuazzi e pituazzi. Purtroppo sono ignorante… Ma a me questo sembra un furto vero e proprio!!!

Lettera firmata