Lettere a Iacchitè: “Gli abusi di Ecologia Oggi: reintegratemi nel mio ruolo”

Advertising

Egregio direttore,

mi chiamo Armando De Vuono e lavoro presso la società Ecologia Oggi. Sono stato assunto come categoria protetta dall’azienda, perché ho danni permanenti alle ossa, con l’incarico di fattorino. Una mansione che in realtà non ho mai svolto. Sin dal primo giorno della mia assunzione (assunto con la legge degli invalidi ai sensi della legge 68/1999 anno 2010), ho sempre svolto il ruolo di centralinista presso gli uffici dell’azienda.

Proprio quest’anno l’azienda ha deciso di farmi sottoporre ad una visita presso la dottoressa Pagliaro Maria, medico aziendale. Dopo l’esame la dottoressa Pagliaro ha concluso la sua diagnosi dichiarandomi idoneo allo spazzamento, mettendomi di servizio insieme ad un altro operatore.

Ho subito prodotto opposizione al giudizio di idoneità espresso dalla dottoressa Pagliaro e facendo visita al Collegio medico di Serra Spiga il 12/ 10 /2017, portando tutta la documentazione in mio possesso che attesta la mia infermità. Oggi sono in attesa del giudizio di idoneità che dovranno esprimere i medici del lavoro di Serra Spiga. Ma purtroppo i medici del lavoro non possono trarre le conclusioni perché, nonostante le tante richieste, l’azienda non ha ancora inviato tutta la documentazione medica richiesta dai dottori del lavoro.

Ebbene, dopo 60 giorni di convalescenza, per via di un infortunio avuto sul lavoro, rientro al lavoro e trovo l’amara sorpresa: un ordine di servizio che mi assegna allo spazzamento. Una mansione che, viste le mie condizioni di salute e l’assunzione come invalido, non posso sicuramente svolgere, tant’è che mi sono sentito male, al punto da dover chiedere un ulteriore permesso, in presenza di testimoni, e avvertire il mio sindacato dell’abuso fatto dall’azienda sulla mia persona (Pierfrancesco Lincoln della Fiadel).

In virtù di tutto questo chiedo all’azienda di fornire tutta la documentazione ai medici del lavoro, e in attesa della loro valutazione, di reintegrarmi alla mansione che ho sempre svolto, ovvero il centralinista. Perché questo è un mio diritto. Grazie.

Armando De Vuono