Lettere a Iacchite’: “Occhiù, ti sei lavato la faccia stamattina?”

Advertising

Buongiorno,

mentre vi scrivo sono le ore 6.50 di domenica mattina.
Nonostante oggi io non lavori (capita di rado) mi sono comunque svegliata presto vista ormai la critica penuria di acqua.
Risveglio inutile perché ancora i rubinetti sono a secco!

Facendo due calcoli se alle sette del mattino non c’è acqua e la tolgono ormai alle 8.30, quante ore dà la SORICAL l’acqua?

Il signor sindaco, invece di perdersi in chiacchiere, perché non agisce in maniera incisiva ? Signor sindaco, insomma Occhiù, ti sei lavato la faccia stamattina? A te l’acqua non manca di sicuro… E quando ti sveglierai, con calma, verso mezzogiorno, non avrai di questi problemi.

Io, come tante, ho famiglia e un lavoro non proprio pulito (nel senso che purtroppo per la mia fatica sono costretta anche a lavarmi), ma comunque è un diritto e un bene PRIMARIO l’acqua potabile che paghiamo profumatamente! Siamo al paradosso.
Questa è follia pura.
Con la riserva d’acqua privata o ci laviamo o faccio le pulizie e il bucato …
Non se ne può più…

Lettera firmata