Lettere a Iacchite’: “Siete senza padroni: abbiamo bisogno di voi”

Salve,

sono un calabrese della provincia di Cosenza che, come molti, è andato via per fare l’università “al nord”, e poi sono finito a vivere in Spagna, a Barcellona. Il legame con la terra d’origine è rimasto vivo, anzi, la nostalgia e il senso di impotenza per non poter fare nulla di fronte allo scempio che vedo e sento ogni volta che torno hanno aumentato la voglia di sapere come vanno le cose, cercare di capire, informarmi, continuare ad alimentare il vincolo che mi lega alla nostra terra.

E da quando ho scoperto Iacchitè (circa un anno e mezzo credo) ne sono un instancabile lettore. Una fonte di informazione senza padroni, senza peli sulla lingua ed insensibile alle intimidazioni di questi tempi è cosa rara e se ne sente il bisogno come dell’aria, specie in una terra martoriata come la Calabria.

In conclusione, per quello che vale, grazie del vostro lavoro, tenete duro e in bocca al lupo! E che gli venisse una diarrea a chi vi vuole male! 😉

Un abbraccio,
Francesco Benincasa