Lorica, operaio morto: sequestrata la funivia del Gruppo Barbieri

Advertising

La procura di Cosenza ha disposto il sequestro dell’impianto di risalita di Lorica nell’ambito delle indagini sulla morte di un operaio, Enzo Bloise, di 31 anni, avvenuta lo scorso 1° dicembre attorno alle 11 sul cantiere della nuova funivia di Lorica.

Il giovane stava lavorando in localita’ Cavaliere-Botte San Donato su un carrello allacciato sulle funi lungo il tragitto della funivia quando, per cause in corso di accertamento, sarebbe precipitato schiantandosi al suolo. L’impatto terribile non gli ha dato scampo.

Assieme a lui era rimasto ferito un altro operaio, trasportato d’urgenza in elisoccorso all’ospedale di Cosenza. I primi a intervenire erano stati i colleghi dei due operai che avevano allertato immediatamente i soccorsi. Il sequestro dell’impianto di risalita si e’ reso necessario per permettere ai magistrati di far eseguire alcune verifiche e una apposita perizia.

Il Velino-AGV News

L’appalto di 16 milioni per la nuova funivia di Lorica è stato vinto dal solito Gruppo Barbieri, che è ricorso, come da consolidato copione, a subappalti massicci, che hanno dato i risultati che sappiamo. L’impresa subappaltatrice risulta essere la “Basso”.

I lavori dovevano essere consegnati nel corso di questo mese e il 22 ottobre sul cantiere era apparso persino Palla Palla, che non ha speso neanche una parola di cordoglio per l’operaio morto.