L’ultimo saluto ad Antonio Vetere (di Francesca Caruso)

Advertising

di Francesca Caruso

Si sono svolti ieri, in una chiesa di Sant’Aniello gremita di gente, i funerali di Antonio Vetere, il ragazzo di 22 anni che ha perso tragicamente la vita la mattina di Ferragosto.

Ad accoglierlo una folla attonita, incredula, le note di Vasco che lui amava tanto e i suoi amici, quelli della “Negroni”, del “Pezzullo”, del sabato sera.

Quegli amici che lo hanno aspettato per strada per metterlo sulle loro spalle ed accompagnarlo nel suo ultimo viaggio, stringendolo in un tenero abbraccio.

“Se avete dei rancori con un amico- ha detto uno di loro dall’altare- non aspettate a chiarire; se avete voglia di dire ti voglio bene a qualcuno, non aspettate a farlo, perché la vita è così”.

Già, la vita è così…

Poi i palloncini bianchi, la disperazione del distacco, le note di Vasco, il vuoto.