L’USB a Palla Palla: “Il treno della Sila non diventi un giocattolo per classi agiate”

Advertising

COMUNICATO STAMPA

Il notevole sforzo organizzativo messo in campo dalla società Ferrovie della Calabria con la  riapertura parziale della tratta delle  ferrovia silana  Moccone –Silvana Mansio, auspichiamo che non sia una semplice passarella estiva per la politica e  per una presidente della Regione Calabria in palese difficoltà sui temi assolutamente rilevanti come, ad esempio, la sanità.

Un’iniziativa che ha dimostrato come sia possibile creare anche in Calabria e con il supporto decisivo di aziende a totale controllo pubblico come, appunto, la società Ferrovie della Calabria  che nell’immaginario collettivo è un carrozzone inutile da privatizzare, le condizioni per sviluppare iniziative imprenditoriali  a sostegno del l’industria del turismo in un’area  dove ambiente ed enogastronomia  tipica, raggiungono l’eccellenza.

Se la sua apertura dovesse però limitarsi alle sole attività turistiche e promozionali del territorio,  considerato il ruolo sociale svolto in oltre mezzo secolo durante l’ultima grande guerra e nei primi anni settanta,   sarebbe un tradimento alla storia e per queste ragioni che auspichiamo che l’intera tratta sia riconsegnata al ruolo che gli compete.

trenodellasila_500Infatti,  questa infrastruttura,  lo ricorderanno bene  i cittadini della presila e dell’intero altopiano silano, è servita principalmente a rompere l’isolamento di quelle  vaste aree  e perché solo grazie ad essa  migliaia di uomini e donne appartenenti alle classi meno abbienti hanno avuto l’opportunità  di accedere a percorsi scolastici formativi e, quindi,  acquisire  conoscenze fino a raggiungere importanti traguardi professionali  e rilevanti posizioni in ambito sociale come lo stesso presidente Oliverio.

Ecco allora che è necessario  che tali sforzi non siano circoscritti alle sole iniziative industriali ma che la politica ponga le basi per  ripristinare la piena funzionalità dell’intera tratta che ha le potenzialità di ritornare ad essere utile dal punto di vista della mobilità collettiva e non solo visto che  potrebbe avere un ruolo rilevante in un contesto di protezione civile considerata la scarsa e precaria viabilità ordinaria dell’area.

Se la società Ferrovie della Calabria con il suo gruppo dirigente, che non ha mai avuto il nostro sconto, e con le sue maestranze che non hanno smarrito il patrimonio di conoscenze  e di capacità di saper interpretare al meglio il ruolo sociale che la storia ha assegnato alle FdC in Calabria ha realizzato qualcosa di impensabile fino a ieri, ora tocca alla politica investire in un progetto per il rilancio definitivo di questa storica e romantica infrastruttura.

In sua mancanza il treno della Sila diverrebbe un giocattolo per classi agiate e un’attrazione da turistica svilendo, quindi, il ruolo naturale per cui era stata costruita e mantenuta in vita grazie al sacrificio di tanti i quali a loro eterna memoria e dei loro eredi  meriterebbero un museo dedicato o almeno un archivio storico per testimoniare l’importante ruolo sociale.

Cosenza li 09 agosto 2016

USB  Federazione di Cosenza