Luzzi al voto: ecco chi è Andrea Guccione, il ras del PD all’Università

Advertising

Andrea Guccione rappresenta la faccia sempre più sporca del PD alle elezioni comunali di Luzzi. E’ un imprenditore che fa politica e che dalla politica riceve appalti e soldi per alimentare le sue ditte di pulizie. L’appalto più “ricco” che si è conquistato è quello delle pulizie all’Università della Calabria. Una “vigna” triennale di circa 2 milioni e 300mila euro per un servizio che lascia più di una perplessità e che viene contestato dalle associazioni degli studenti.

“Diverse aule e corridoi – scriveva in una nota Unical in Movimento – sono quotidianamente sporchi. I bagni (quelli aperti e funzionanti) sono al limite della normale tollerabilità e gli studenti costretti a fare lo slalom tra cestini stracolmi e nauseabondi per accedere ai servizi igienici. A fronte di una spesa triennale di circa 2 milioni e 300mila euro il servizio di pulizia avrebbe dovuto essere tale da permettere agli studenti di vivere in un ambiente universitario quantomeno decente…”.

E invece a quanto pare così non è.

L’Università, che paga l’azienda, dovrebbe vigilare affinché le condizioni contrattuali vengano rispettate ed eventualmente applicare le penali previste in caso di inadempimento. Ma ciò evidentemente è solo lettera morta. Guccione e i suoi dipendenti fanno quello che vogliono e l’Unical è sempre più sporca. Ma come fa questo signore ad essere così influente all’Unical?

Andrea Guccione risulta essere presidente dell’associazione Assud con sede proprio a Rende, nell’Università della Calabria. E sempre all’Unical pare che Guccione in passato sia stato componente del consiglio di amministrazione, ovvero il luogo dell’ateneo deputato alle ‘scelte che contano’, soprattutto finanziariamente. E non solo.

Andrea Guccione non è parente di Carlo Guccione, come avevano scritto i grillini qualche tempo fa, ma nel PD paradossalmente è piazzato molto meglio del maialetto con le bretelle, visto che fa parte della maggioranza renziana.

“Non siamo parenti – ha dichiarato proprio Carlo Guccione -, ma che lui sia all’interno del PD è fuori da ogni dubbio. Per quello che so io, che sono di un’altra corrente del partito, lui è un renziano in ottimi rapporti con il segretario”.

Certo è che insieme al PD era già stato candidato alla carica di sindaco nel Comune di Luzzi e ora ci riprova. Le sue ditte di pulizia hanno vinto negli anni diversi appalti nella sanità cosentina passando da Acri a Castrovillari per approdare anche all’ospedale di Cosenza. La Gorla e la Se. Gi., che gestisce il 70% dei servizi di pulizia dell’Unical entrambi riferibili all’attività imprenditoriale di Andrea Guccione, nel dicembre 2007 sono persino approdate nella relazione della commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata mafiosa.

Giacomo Mancini, all’epoca membro della commissione antimafia in qualità di deputato della Rosa nel Pugno, chiese se ci fossero indagini in corso sulle ditte del suo ‘compaesano’ affermando di essere “a conoscenza dell’esistenza di una contaminazione tra rappresentanti delle istituzioni ed aderenti alle cosche criminali, in particolare nei settori della raccolta di rifiuti, della sanità e del servizio di pulizia”.

“… In particolare siamo al corrente della presenza di un gruppo industriale, denominato Gorla, specializzato in pulizie, che ha preso parte a una serie di bandi per la concessione degli appalti di pulizia negli ospedali e negli enti pubblici. Il gruppo opera in Calabria attraverso aziende locali denominate Cagi e Se.Gi. e si sta espandendo in tempi rapidissimi aggiudicandosi una serie di commesse con vari enti locali…”.

Ma a Cosenza e provincia – secondo la DDA di Catanzaro – politica e mafia non hanno rapporti…