Marilina Intrieri: “Roccisano scandalosa: incredibile la difesa del Garante per l’Infanzia”

Advertising

 “CHILD’S FRIENDS” su mancata erogazione servizi scolastici a minori disabili: l’assessora Roccisano, quando ero Garante dell’infanzia, convocò, un apposito tavolo istituzionale con le Province.

Intendo esprimere la più vibrata esecrazione per l’intervista che l’assessora della Regione Calabria alla Scuola, Federica Roccisano, ha rilasciato durante la trasmissione di Report di lunedì 31 ottobre 2016 e anche per la successiva replica.

L’assessora ha dimostrato di ignorare gli adempimenti di sua competenza a tutela dei diritti degli studenti minori disabili, determinando una grave violazione di diritti minorili fondamentali.

L’assessore regionale ha reso dichiarazioni improvvide e non veritiere perché era bene a conoscenza delle sue competenze, quantomeno per avere ricevuto numerose segnalazioni dalla sottoscritta, per le reiterate violazioni dei diritti allo studio, alla salute ed alla dignità dei fanciulli disabili.

Inoltre il 19 settembre 2015, nella mia qualità di Garante, chiesi all’assessore Roccisano di convocare un tavolo istituzionale con all’ordine del giorno: integrazione scolastica degli studenti disabili.

L’ incontro si svolse nei locali della Cittadella regionale, alla presenza dei rappresentanti delle province, assente, quella di Reggio Calabria e risultò che la provincia di Catanzaro era l’unica a garantire completamente i servizi.

Durante l’incontro, sollecitai a Regione e Province, gli atti dovuti di loro spettanza, per l’attribuzione dei compiti al personale preposto, stante il provvedimento regionale assunto di riassorbimento delle funzioni, al fine di rendere esercitabile il fondamentale diritto allo studio (servizio di trasporto scolastico, insegnante di sostegno, assistenza specialistica per problemi di autonomia e/o comunicazione, assistenti ad personam, assistente di base per la cura dell’igiene personale del fanciullo disabile ).

Sin dal 2011 l’ufficio del Garante ha ricevuto annualmente decine di segnalazioni da familiari di minori disabili procedendo agli atti dovuti, ex L.R. n. 28/2004, alle Autorità competenti. Tutta la documentazione è sempre stata pubblicata sul sito istituzionale, oggi inspiegabilmente oscurato, ma rintracciabile su www.marilinaintrieri.it.

L’intervista dell’ assessora è disdicevole e scandalosa – anche sotto il profilo di una assoluta caduta di stile quando scivola incautamente nel turpiloquio, dimostrando non solo l’assoluta inadeguatezza del ruolo ricoperto ma pone in chiara luce le inadempienze gravi della Regione Calabria nei confronti di soggetti deboli e defraudati di presìdi e di cure specifiche che l’ordinamento giuridico predispone.

Le omissioni e le inadempienze rilevate andranno perseguite nelle sedi competenti, ma l’assessore, da subito, deve cessare dal suo incarico.

Sorprende che sulla stampa regionale si legga una inopinata difesa “dell’attività assessorile” della Roccisano da parte del Garante dell’infanzia Marziale che, quale tutore dei minori avrebbe dovuto censurare e denunciare nelle competenti sedi le omissioni e le inadempienze dell’amministratore calabrese.

Marilina Intrieri

associazione “Child’s Friends”