Miracolo! La Manzini dà segni di vita e annuncia la prima udienza del Mantella pentito

Advertising

Farà ufficialmente il suo esordio in un’aula di Tribunale, nella nuova veste di collaboratore di giustizia, il vibonese Andrea Mantella, elemento di spicco del clan Lo Bianco-Barba di Vibo (e poi alleato dei “Piscopisani”) che da qualche mese ha iniziato a “cantare” con la Dda di Catanzaro.

E’ stata il pm Marisa Manzini, nel corso del processo nato dall’operazione antimafia “Black money” che si sta celebrando con rito ordinario a Vibo, ad annunciare che Andrea Mantella dovrà deporre nel dibattimento che si sta celebrando nei confronti di 22 imputati.

Foto Zoom 24
Foto Zoom 24

Ciò significa che Mantella ha iniziato a raccontare fatti e misfatti di qualcuno degli imputati, tutti accusati di far parte o di concorrere (anche esternamente) al clan Mancuso. Nuove importanti rivelazioni verranno quindi rese note in aula con la deposizione di Andrea Mantella, chiamato a rafforzare il quadro accusatorio del processo che si sta celebrando dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia presieduto dal giudice Vincenza Papagno.

Fonte: Zoom 24

Quando abbiamo letto la notizia riportata dal sito vibonese Zoom 24 siamo rimasti quasi senza fiato. Sì, lei, la più famosa pettinatrice di bambole del Mezzogiorno d’Italia, il magistrato che non arresta mai nessuno e le cui indagini durano anni e anni, dà segni di vita, respira addirittura…

E’ evidente che la Manzini è rimasta “affezionata” alle sue vecchie inchieste vibonesi. Magari qualche capigliatura particolare, qualche bambola con boccoli speciali, non lo sappiamo con precisione. Ma se è davvero così, se la Manzini dà sussulti di orgoglio se si parla di criminalità vibonese, perché non se ne ritorna lì e ci libera della sua presenza?

Tanto, qui da noi non se ne accorge nessuno… A parte i procuratori che si avvicendano ogni decennio per insabbiiare tutto l’insabbiabile.