Nesci (M5S): “La rete ospedaliera è una pagliacciata”

Il commissario Scura
Advertising

“Il recente aggiornamento della rete ospedaliera calabrese è avvenuto scavalcando la Regione. I commissari Scura e Urbani fanno come vogliono, credono di essere onnipotenti e si atteggiano a supereroi, sotto l’ombrello dei ministeri vigilanti”.

A dichiararlo è la parlamentare del M5S Dalila Nesci, con riferimento all’ultimo decreto commissariale.

“La vicenda della rete degli ospedali – incalza la parlamentare 5 stelle – sta diventando una pagliacciata impudica, con rivisitazioni incessanti che nascondono i problemi e illudono i territori. Non vi è alcuna sostanza né chiarezza espositiva, si ignora per l’ennesima volta la sentenza per la riapertura dell’ospedale di Praia a Mare, mancano tremila sanitari tra medici, infermieri e oss e non c’è un centesimo da investire in sicurezza, tecnologia e formazione”.

“Va inoltre ricordato – prosegue la parlamentare 5 stelle – che il commissariamento vigente è illegittimo e che il piano di rientro è infondato, poiché la Calabria ha avuto minimo 1,7 miliardi di euro in meno per la cura dei pazienti cronici. Scura e Urbani – aggiunge la parlamentare – giocano a stupire con effetti speciali.

Negli ultimi giorni hanno scritto decreti a raffica, tra cui uno per autorizzare consulenze inconcepibili all’Asp di Reggio Calabria, per la quale i seicentomila e passa euro pagati al revisore Kpmg non hanno risolto il problema delle uscite milionarie senza traccia. L’obiettivo dei commissari è imbellettarsi per la verifica di fine luglio a Roma».

«Intanto il governatore Oliverio – conclude Nesci – non ha idee rivoluzionarie, non ha strategie e neppure esercito. Per ricuperare la sanità calabrese serve al più presto un nuovo governo nazionale e regionale”.