Occhiuto e le Olimpiadi: ma lo sa che cos’è lo sport?

Advertising

Occhiuto stamattina ha deciso di tornare ad indossare, anche pubblicamente, i panni del solito Mario il cazzaro e, udite udite, ha lanciato l’idea delle Olimpiadi della Magna Grecia.

Non scendiamo nei particolari della sparata perché tutti, ma davvero tutti, conoscono la credibilità del soggetto. Lui si definisce visionario ma la triste realtà è che non sa quello che dice. O meglio, sa che sono cazzate ma non ha pudore nello spiattellarle sui media. Diciamo che ha superato la soglia della vergogna. Occhiuto ormai è diventato impareggiabile in quest’arte, in tutte le sue manifestazioni.

Le Olimpiadi sono una cosa seria, molto seria ma Occhiuto, che notoriamente non si è mai interessato di sport se non per truffe e affari collegati, non ha la benché minima idea di cosa significhi la pratica sportiva e come sia organizzata, soprattutto, una federazione sportiva.

Nel Sud, a meno che Occhiuto non voglia trasformare tutto il Meridione in cantieri alla… piazza Fera, non ci sono e non ci possono essere le strutture sportive adeguate ad una manifestazione oceanica come le Olimpiadi.

Anche ammesso che si riesca a costruire qualche impianto, Occhiuto ci spiega, di grazia, dove andrebbero ad allenarsi le migliaia di atleti del villaggio olimpico? In quelle stesse strutture dove farebbero le gare? Oppure in mezzo alla strada?

Non ci sono proprio le precondizioni per avviare un discorso del genere ma lui spara cazzate lo stesso, tanto tutto fa brodo. E infatti, nella sua nota delirante, si sofferma per due righe sugli impianti sportivi e per il resto vola alto sui collegamenti, sui trasporti e perfino sui sistemi portuali, a testimonianza (chiarissima) che a lui dello sport non gliene può fregar de meno ma che del resto gliene frega eccome… Incredibile, ma vero, purtroppo.

Non contento di aver fatto cilecca su tutti i fronti nella stagione turistica appena trascorsa, non contento di aver fatto ridere l’Italia con la storia delle navette dall’aeroporto di Lamezia per Cosenza chiuse… per ferie dal 15 al 20 agosto, eccolo di nuovo in pista. Stavolta con lo sport, del quale non capisce davvero nulla.

Chiediamo comprensione per il soggetto ma se dovesse continuare a spararle grosse, qualcuno di buona volontà, per favore, chieda il TSO.