Occhiuto indagato a Roma, Mazzuca: “Qualcuno ha buttato la polvere sotto i tappeti”

Premetto in apertura che un avviso di conclusione di indagine non è una condanna. Ciò detto non posso oggi, a distanza di diversi anni, non ricordare quella volta (7 agosto 2013) che con il collega Sergio Nucci, chiedevamo al sindaco Occhiuto conto dell’operato dell’allora assessore Hauser.

Leggere oggi le cronache del tempo, le velate minacce dell’ex ministro Clini, compagno dell’Hauser, la difesa piccata del sindaco Occhiuto, fa sorridere, d’amarezza, ma fa sorridere.
Con una interrogazione il collega Nucci ed io chiedevamo conto proprio a Occhiuto di capire cosa avesse di speciale questo assessore che di Cosenza sapeva ben poco e che ben poco frequentava, ad eccezione di qualche soiree, la nostra città. Quali grandi meriti o competenze avesse per occuparsi di ambiente a queste latitudini.
Oggi, con poco stupore, leggiamo congetture iperboliche quanto tragiche che se fossero vere, consegnerebbero un sistema che noi avevamo appena sfiorato e per questo prontamente zittiti.

Non c’è vendetta, non c’è non rivalsa, solo la constatazione che quando chiedevamo lumi al sindaco circa le attività della signora Hauser qualcuno, anziché buttare la polvere sotto i tappeti, quei tappeti li avrebbe dovuti rivoltare e guardarci con attenzione sotto.
Non so come si concluderà questa vicenda, o forse lo immagino, tuttavia provo un certo appagamento nel sapere che i dubbi che con Sergio Nucci avevamo avuto nel lontano 2013 trovano continuità in quelli della DDA di Roma che, forse perché lontana dal clima nostrano, non risente di refoli o correnti che dalle nostre parti a quanto pare abbondano.

Giuseppe Mazzuca
già consigliere comunale di Cosenza