Occhiuto vuole sfrattare il bar della Villa Vecchia: la lettera del gestore

Advertising

Caro Carchidi,

sono il gestore del bar della Villa Vecchia. Dopo 38 anni di duro lavoro e sacrifici per guadagnarmi il pane onestamente, il sindaco ha deciso di sfrattarmi e buttarmi fuori.

Ieri mattina mi è stato notificato lo sfratto che avverrà giorno 18 agosto 2016 alle ore 7:00 presso la Villa Vecchia.

Sono disperato, perché non ho ancora raggiunto l’età per andare in pensione e il bar che gestisco è la mia unica fonte di guadagno.

Quello che avverrà giorno 18 è un vero e proprio abuso ed un atto di prepotenza nei confronti di un onesto lavoratore.

Il mio bar è da sempre frequentato da tutti i ragazzi del Liceo Classico Telesio ed è un punto di riferimento per qualsiasi cittadino che visita la villa.

Vi chiedo la cortesia di aiutarmi perché mi sento di subire un grosso torto e una grande umiliazione da parte del sindaco.

Lettera firmata