Oggi pomeriggio i funerali di Antonio Vetere

Advertising

Profonda commozione in tutta la città e tra tutti i cosentini, sia tra quelli che sono rimasti a Cosenza, sia tra quelli che si trovano in villeggiatura, per la tragica scomparsa del giovane Antonio Vetere, rimasto vittima di un drammatico incidente stradale la mattina di Ferragosto. 

Ad Antonio è stata fatale quella maledetta striscia rendese della strada statale 107 Silana-Crotonese, che già tante vittime ha fatto senza che a nessuno dei nostri amministratori sia mai venuto in mente di porvi rimedio. Niente da fare.

E così oggi piangiamo la morte di Antonio Vetere come nei mesi passati e negli anni passati abbiamo pianto per altri ragazzi.

antoAntonio Vetere, come abbiamo già avuto modo di scrivere, non aveva ancora compiuto 23 anni. Li avrebbe festeggiati il 3 settembre. Si era diplomato alla Ragioneria “Pezzullo” di via Popilia, così come aveva fatto suo padre Romualdo, agente e rappresentante di commercio molto conosciuto e benvoluto in città. E poi aveva proseguito gli studi iscrivendosi all’Università della Calabria e presto si sarebbe anche laureato. A giugno aveva superato l’esame di Chimica e si stava preparando per la tesi.

Antonio Vetere
Antonio Vetere

Antonio era un ragazzo dalle mille risorse e dai mille interessi e spesso collaborava con la nota azienda immobiliare Gabetti. Si stava preparando un futuro lavorativo per il post-laurea. Era un ragazzo intraprendente.

Gli piaceva divertirsi, come a tutti i ragazzi, e frequentava anche i locali, le discoteche. E stava rientrando proprio da una discoteca del Tirreno quella maledetta mattina di Ferragosto.

Oggi pomeriggio alle 16, nella chiesa di Sant’Aniello, saranno celebrati i funerali di Antonio Vetere e tutti i parenti e gli amici si stringeranno vicino alla famiglia. 

Anche noi di Iacchite’ partecipiamo al dolore del padre Romualdo, della mamma Franca e della sorella Martina.