Omicidio avvocato Pagliuso, il killer ha sparato tre colpi. Camera ardente al Tribunale dalle 14,30

Advertising

E’ stata eseguita nel pomeriggio di ieri l’autopsia sulla salma dell’avvocato Francesco Pagliuso, 43 anni, assassinato nella tarda serata di martedì a colpi d’arma da fuoco.

L’esame autoptico si è svolto nella sala mortuaria dell’ospedale di Lamezia Terme, dove la vittima, originaria di Soveria Mannelli (Cz), abitava e svolgeva la sua attività forense.

L’esame avrebbe confermato che il killer, il quale ha atteso Pagliuso nel cortile della sua casa, ha sparato tre colpi.

Il particolare, peraltro, era emerso già dalla visione dei filmati delle videocamere installate intorno al fabbricato, in cui appaiono le fiammate prodotte dagli spari che hanno centrato il noto penalista sulla parte sinistra del collo, segno evidente che l’uomo si accingeva a prendere la borsa, posata sul sedile al fianco di quello del conducente, per poi scendere.

La traiettoria dei colpi evidenzierebbe che a sparare potrebbe essere stata una persona di almeno un metro e 80 centimetri d’altezza. Il killer avrebbe raccolto i bossoli prima di dileguarsi.

La salma, già consegnata ai familiari, è stata ricomposta in una sala mortuaria della città.

I funerali si terranno oggi, alle 17, nella chiesa del Rosario, nei pressi del Tribunale.

Nel palazzo di giustizia sarà allestita una camera ardente dove la salma sara’ esposta a partire dalle 14,30. Dopo il rito religioso, il corpo dell’avvocato Pagliuso sarà’ portato a Soveria Mannelli, dove sarà sepolto.

(Agi)