Omicidio Bruni, la DDA chiede 9 anni per Bruzzese e Lamanna

Franco Bruzzese
Advertising

«Condannare Franco Bruzzese e Daniele Lamanna a nove anni di carcere per l’omicidio di Luca Bruni».

Lo ha chiesto, questa mattina alla Corte di Assise di Cosenza, il pm della Dda di Catanzaro Pierpaolo Bruni nel corso del processo per la morte di Luca Bruni, scomparso il 3 gennaio 2012 e il cui cadavere è stato trovato nel dicembre del 2014 in una campagna di Castrolibero.

Si tratta del procedimento con rito ordinario che vede sul banco degli imputati Franco Bruzzese, ritenuto il mandante dell’assassinio, e Daniele Lamanna, accusato di essere organizzatore ed esecutore dell’agguato al presunto reggente del clan “Bella bella”. Entrambi si sono pentiti e quindi stanno godendo delle attenuanti per la loro collaborazione, altrimenti la richiesta del pm sarebbe stata molto più pesante.

Nel rito abbreviato, com’è noto, Maurizio Rango è stato condannato all’ergastolo e Adolfo Foggetti (anche lui pentito) a 6 anni.

Stamattina tutte le parti hanno dato il loro consenso alla chiusura del dibattimento.

Il processo è stato aggiornato al prossimo 16 giugno per le arringhe delle difese e la sentenza.