Omicidio Taranto, 18 anni a Domenico Mignolo

Domenico Mignolo
Advertising

Il Tribunale di Cosenza ha condannato Domenico Mignolo, 29 anni, a diciotto anni di carcere per l’omicidio di Antonio Taranto.

Il gup Alfredo Cosenza ha così deciso non accogliendo la richiesta dell’accusa, rappresentata dai pm Donatella Donato e Bruno Antonio Tridico, che avevano proposto 30 anni per Mignolo. Il gup infatti non ha riconosciuto l’aggravante dei futili motivi.

Antonio-TarantoAntonio Taranto, 26 anni, è stato ucciso il 29 marzo dello scorso anno a via Popilia, al culmine di un alterco con Mignolo che era cominciato qualche ora prima in una discoteca di Rende. La discussione era continuata nel quartiere. Probabilmente Taranto aveva cercato aiuto a qualcuno per provare a ricomporre la questione ma non c’è stato nulla da fare. Mignolo ha dato seguito alla sua intenzione sparando un colpo di revolver calibro 38/357 magnum. Sembra dal balcone della propria abitazione.

Mignolo è stato giudicato con il rito abbreviato condizionato. E’ già detenuto in regime di 41 bis per altri reati.