Operazione Frontiera e Cinque Lustri, la DDA chiede il processo per 80 indagati

Advertising

La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio per capi e gregari del clan Muto. Tra le persone coinvolte anche il noto imprenditore Barbieri. Due le posizioni stralciate.

La Procura Antimafia del capoluogo calabrese ha segnato un nuovo traguardo nelle inchieste “Frontiera” , il maxi blitz  scattato il 19 luglio dell’anno scorso ha portato a 58 misure cautelari contro capi e gregari del clan Muto e alla contestuale esecuzione di un decreto di sequestro preventivo di beni mobili e immobili per un valore di 7 milioni di euro e “Cinque Lustri”, l ’operazione risale al 19 gennaio scorso e rappresenta una prosecuzione di Frontiera contro capi e gregari del clan Muto. Un’ inchiesta scattata congiuntamente con un’altra importante indagine, questa volta della Dda di Reggio, nome in codice Cumbertazione, e ha portato in tutto all’esecuzione di 35 arresti e al sequestro preventivo di 54 imprese in tutta Italia. La DDA ha chiesto  il processo per ottanta indagati coinvolti in fiumi di droga che da Diamante a Scalea a Praia a Mare, avrebbero inondato di cocaina, hascisc e marijuana le principali località balneari della costa tirrenica calabrese  sotto il controllo del clan Muto. E non solo. Alcuni di loro avrebbero creato una fitta rete di rapporti di carattere finanziario-economico, che avrebbe legato, secondo gli inquirenti, un importante gruppo imprenditoriale, la Barbieri Costruzioni, con gli esponenti di spicco non solo del clan Muto, operante sulla costa dell’alto Tirreno, ma anche quello dei “Lanzino -Ruà – Patitucci”. Nella richiesta di rinvio a giudizio non compaiono più i nomi di Giuseppe Caputo, 51 anni, di Cosenza e Mario Piromallo, detto “Renato”,  50 anni, di Cosenza, presenti nell’avviso di conclusione delle indagini. Le loro posizioni sono state stralciate.

Gli indagati dovranno difendersi a vanno a vario titolo dall’associazione a delinquere di stampo mafioso a quella finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Estorsione tentata e consumata, rapina, usura, illecita concorrenza con violenza e minaccia, turbata libertà degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, corruzione e falso ideologico in atti pubblici.

I nomi degli indagati:

Antonio Abbruzzese, detto “Tonino Banana”, 42 anni, di Cosenza

Carlo Antonuccio, 37 anni, di Cetraro

Giuseppe Antonuccio, 25 anni, di Cetraro

Gianluca Arlia, 24 anni, di Paola

Salvatore Baldino, 56 anni, di Cosenza

Giorgio Ottavio Barbieri, 40 anni,  di Roma

Francesca Barbieri, 44 anni, di Roma

Davide Bencardino, 46, Belvedere Marittimo

Pierpaolo Bilotta, 41 anni, di Praia a Mare

Giuseppe Nicola Bosco, 66 anni,  di Ionadi

Gennaro Brescia, 53 anni, di Catanzaro

Agostino Bufanio, 44 anni di Cetraro

Giulio Caccamo, 42 anni, di Scalea

Giuseppe Calabria, 37 anni, di Paola

Pietro Calabria, 31 anni,  di Paola

Vincenzo Campagna, 36 anni, di Praia a Mare

Giuseppe Candente, 39 anni, di Cetraro

Gianluca Caprino, 42 anni, di Cosenza

Gino Caroprese, detto lo “Sghincio”, di Scalea

Luca Carrozzini, 32 anni, di Scalea

Marco Carrozzini, 34 anni, di Scalea

Enzo Casale, 46 anni, di Sala Consilina

Angelo Casella, 69 anni, di Diamante

Angelo Chianello, 50 anni, di Paola

Simone Chiappetta, 42 anni, di Praia a Mare

Fedele Cipolla, 30 anni, di Cetraro

Franco Cipolla, 56 anni, detto “Tabacco”, di Cetraro

Angelina Corsanto, 74 anni, di Cetraro

Giuseppe Crusco, 45 anni, detto il “Nano”, di Cetraro

Alessandro De Pasquale, 36 anni, di Cetraro

Antonio Di Pietromica, 50 anni, detto “Tonino” di Belvedere Marittimo

Gianfranco Di Santo, 47 anni, detto “Pulicino”, di San Nicola Arcella

Giuseppe Natale Esposito, 64 anni, di San Mango D’Aquino

Gaetano Favaro, 32 anni di Belvedere Marittimo

Giuseppe Fiore, 44 anni, di Rose

Adolfo Foggetti, 32 anni, di Cosenza

Pier Matteo Forestiero, 43 anni, di Cosenza

Amedeo Fullin, 25 anni, di Praia a Mare

Antonietta Galliano, 54 anni, di Cetraro

Cono Gallo, 37 anni, di Sala Consilina

Vito Gallo, 61 anni, di Sala Consilina

Agostino Iacovo, 31 anni, di Cetraro

Emilio Iacovo, 54 anni, di Diamante

Maria Iacovo, 55 anni, di Diamante

Simone Iannotti, 34 anni, di Praia a Mare

Emanuel La Scaleia, 39 anni, detto “Bacheca” di Praia a Mare

Massimo Longo, 51 anni, di Genova

Guido Maccari, 35 anni, detto “Mazzaruni”, di Cetraro

Laura Maccari, 59 anni, di Cetraro

Alessandra Magnelli, 37 anni, di Cosenza

Antonio Mandaliti, 60 anni, di Diamante

Filippo Matellicani, 33 anni, di Tortora

Giuseppe Montemurro, 37 anni, di Cosenza

Francesco Muto, detto “Franco”, soprannominato “Il  Re del pesce”, 77 anni, di Cosenza

Luigi Muto, 54 anni, di Acquappesa

Mara Muto, detto “Mary”, 44 anni, di Cetraro

Sandra Muto, 49 anni, di Belvedere Marittimo

Carmine Occhiuzzi, detto “Minuccio”, 64 anni, di Cetraro

Luca Occhiuzzi, 29 anni, di Cetraro

Andrea Orsino, 46 anni, di Cetraro

Alfredo Palermo, 34 anni, di Paola

Valentino Palermo, 27 anni, di Paola

Sara Pascariello, 22 anni, di Cetraro

Antonio Pignataro, detto “Cicchitella”, 54 anni, di Cetraro

Sabrina Silvana Raimondi,41 anni, di Rozzano (Milano

Maurizio Rango, 40 anni, di Cosenza

Vittorio Reale, 32 anni, di Leuzzi

Andrea Ricci,  32 anni, di Praia a Mare

Michele Rizzo, 54 anni, di Cosenza

Simona Maria Assunta Russo,  40 anni,  di Scalea

Luigi Sarmiento detto “Gino Fish”, 50 anni,  di Scalea

Giuseppe Scornaienchi, detto “Pino o Cunfiett”, 22 anni, di Cetraro

Salvatore Sinicropi, 40 anni, di Praia a Mare

Mariangela Tommaselli, 36 anni, di Cetraro

Rocco Eupremio Trazza 41 anni, di Belvedere Marittimo

Alexander Tufo, detto “Alex”, 31 anni, di Cetraro

Carmelo Valente,detto “Testa bianca” o “Ravanelli”

Luigino Valente, 35 anni, di Praia a Mare

Pietro Valente, 49 anni, di Belvedere Marittimo

Fabrizio Vitale, 40 anni, di Sala Consilina